20 Settembre 2021

Pubblicato il

Missione umanitaria Siria, primi incontri al vertice per Sol.Id

di Redazione
La delegazione italiana è stata ricevuta dalle istituzioni siriane

Il primo giorno della missione solidale dell’Associazione con sede in via Assisi 138 a Roma è stata ricca di appuntamenti. Prima della distribuzione materiale degli aiuti, che avverrà tra qualche giorno a Tartus con il partenariato dell'associazione Al Wafa, gli attivisti europei e i rappresentanti della Comunità siriana in Italia sono stati ricevuti da alcune illustri personalità della società civile.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Nella prima mattinata hanno incontrato il ministro delle politiche sociali, Kinda Al Shamath. Il ministro ha spiegato come il maggior costo dall'inizio delle ostilità sia stato pagato dalle classi meno abbienti e, per questo, ha ringraziato la delegazione del contributo materiale e il sostegno morale. Il ministro ha riservato un ringraziamento particolare alle volontarie presenti "perché si dice che le donne non partecipano alla guerra ma la vostra presenza qui dimostra l'esatto contrario".

Più tardi, in una coinvolgente conferenza stampa, la delegazione italo-siriana ha avuto modo di confrontarsi con Fehmi Hasan, vicepresidente del Parlamento siriano. "La Siria sta per vincere il terrorismo – ha dichiarato perentoriamente Hasan – e la ricostruzione avverrà grazie alle mani dei suoi figli e all'aiuto di stati, comunità e associazioni che hanno appoggiato il Paese durante il conflitto".

L'ultimo, non certo per lustro, ad aver accolto la delegazione italo-siriana è stato il Gran Muftì, la più alta carica religiosa in Siria. Durante l'incontro, Il Muftì, che due anni fa ha subito la perdita del figlio ventenne per mano dei terroristi, ha trasmesso ai presenti un messaggio di pace universale. "Quando hanno arrestato gli assassini di mio figlio io sono andato a visitarli – racconta il Muftì – appena mi hanno visto si sono impauriti, ma io li ho abbracciati, poi ho pregato Dio per la forza del perdono ricevuta".

Nella giornata di ieri i rappresentanti di Sol.Id. sono stati ricevuti da Nezar Uehbe Yazgi, il ministro della Salute, che ha mostrato loro un dossier ufficiale sui danni provocati dalla guerra. Il ministro ha dichiarato che “fortunatamente il sistema sanitario siriano è in grado di soddisfare i bisogni di base della popolazione, come vaccini, le medicazioni di primo soccorso, le terapie per malattie croniche, anche nelle zone a rischio”. Il ministro ha inoltre avuto modo di compiacersi per il materiale raccolto dall’Associazione che riguardano esattamente il campo sanitario e medico.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo