28 Luglio 2021

Pubblicato il

Dl Covid

Mattarella firma, da oggi coprifuoco slitta alle 23: dal 7 giugno alle 24

di Redazione

Da oggi, 19 maggio, il Coprifuoco slitta dalle ore 22 alle ore 23, il presidente Mattarella ha firmato il Dl Covid che entra immediatamente in vigore

coprifuoco 23
Sergio Mattarella

Da oggi, 19 maggio, il Coprifuoco slitta dalle ore 22 alle ore 23, il presidente Mattarella ha firmato il Dl Covid che entra immediatamente in vigore.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Coprifuoco posticipato alle 23 fino al 7 giugno

Nuovi step dunque verso la normalità, mentre continua a ritmi sostenuti la campagna vaccinale. Il Lazio classificato ancora zona gialla. Per passare in zona bianca occorrono ancora tre settimane consecutive con incidenza di positivi inferiore a 50 su centomila abitanti. Sono invece otto le regioni che si accingono a diventare zona bianca (Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna, che diventeranno bianche il primo giugno. Il 7 sarà il turno di Abruzzo, Veneto e Liguria. Per tutte, niente coprifuoco e uniche regole da rispettare saranno mascherina e distanziamento).

Dal 7 giugno il coprifuoco sarà spostato alle ore 24 e poi dal 21 giugno abolito. La maggior parte dei cittadini diviso tra l’ansia di ripartire e l’esigenza di tornare al lavoro e la prudenza e il cosiddetto “rischio ragionato”.

Nelle zone gialle via libera da subito per la riapertura dei centri commerciali nel fine settimana nel 22 maggio, le palestre dal 24 maggio. Per i parchi tematici si attende il 15 giugno, dallo stesso giorno permesse anche cerimonie di nozze. Dal 1 luglio anche sale slot e bingo si rimetteranno in moto così come i centri culturali e sociali. Non sono ancora previste date per la riapertura delle sale da ballo e discoteche. La firma del capo dello Stato prevede anche la certificazione verde, che ha validità di 9 mesi dalla data del completamento vaccinale.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento