18 Settembre 2021

Pubblicato il

Marino #sgomma, in Campidoglio i romani contro il sindaco

di Redazione
Al via l'iniziativa di Fabrizio Santori e Comitato DifendiAMO Roma: raccolta firme per far dimettere Ignazio Marino

Molte, moltissime persone in piazza per firmare la petizione dal titolo Marino #sgomma, proposta dal consigliere regionale d'opposizione Fabrizio Santori e il Comitato capitolino DifendiAMO Roma

Vuoi la tua pubblicità qui?

Una raccolta firme che si propone di essere il veicolo per raccogliere il malcontento dei romani, che "non ne possono più dell'incapacità di Marino nella gestione della Capitale" – come dichiarano i promotei dell'iniziativa, soddisfatti dato l'elevato numero di persone giunte in piazza del Campidoglio.

La mozione si propone anche di essere lo strumento con cui poter proporre una mozione di sfiducia "che metterà con le spalle al muro il sindaco e il PD romano che poco più di un anno fa l’ha presentato agli elettori di centrosinistra, spingendoli a votarlo". Per questo il Campidoglio diventa la piazza simbolo del giorno del lancio di questa iniziativa, che nelle prossime settimane proseguirà nei vari Municipi di Roma e in molte piazze della Capitale.

Simbolicamente, è stata anche affissa una targa, recante la scritta: 'Via Marino da Roma, l’allegro chirurgo sindaco dal 2013 al 2015', proprio a significare, nelle intenzione degli organizzatori e di chi ha aderito, che Ignazio Marino è "il peggior sindaco che i romani abbiano mai avuto".  

"Il successo dell’iniziativa #Sgomma – continuano Santori e gli esponenti di DifendiAMO Roma – sta tutta nei continui fallimenti e colpi di testa di questa amministrazione capitolina che in poco tempo ha saputo collezionare una serie di rovinosi provvedimenti arrivando lì dove neanche i predecessori si erano spinti. L’evento sta raccogliendo notevole entusiasmo e riscontro anche sui social network" – concludono.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo