17 Settembre 2021

Pubblicato il

“Madama Butterfly” alle Terme di Caracalla Roma

di Redazione
“Lavorare a Caracalla è un piacere, ha commentato il regista Àlex Ollé, perché ci troviamo in un posto reale

Venerdì 29 luglio, ore 21, alle Terme di Caracalla va in scena Madama Butterfly di Giacomo Puccini, ultima opera del cartellone lirico estivo del Teatro dell’Opera di Roma. La tragedia giapponese in tre atti ha un libretto di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa tratto da John Luther Long e David Belasco. L’allestimento firmato dal regista Àlex Ollé de La Fura dels Baus (lo stesso che firmò al Costanzi nel 2009 Le Grand Macabre di György Ligeti), aveva debuttato con successo lo scorso anno. Anche sul podio un grande ritorno quello del Maestro Yves Abel, che dirige l'Orchestra del Teatro dell'Opera di Roma anche nel Barbiere di Siviglia (repliche giovedì 28 luglio e, ad agosto, lunedì 1, giovedì 4 e mercoledì 10).

Lavorare a Caracalla è un piacere, ha commentato il regista Àlex Ollé, perché ci troviamo in un posto reale, con il background delle rovine che è un po’ una metafora della storia della povera Cio-Cio-San”. Nella sua lettura la giovane geisha è una ragazza comune, non più ingenua o romantica di tante altre nel mondo; Pinkerton un ricco uomo d’affari “che, spiega Ollé, diventa simbolo di uno tsunami neoliberista, ultima conseguenza del feroce colonialismo, capace di distruggere ogni cosa. Agli occhi della protagonista appare come un semidio venuto dal lontano paese della modernità e del potere accecante che è l’America”. I sogni verranno però infranti, le promesse non mantenute. “Madama Butterfly, conclude il regista, conserva il sapore di questi falsi paradisi perduti”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

L’allestimento torna con le scene di Alfons Flores, i costumi di Lluc Castells, le luci di Marco Filibeck e i video di Franc Aleu. Il Coro del Teatro dell’Opera di Roma, in quest’opera atteso in particolare nel coro a bocca chiusa dell’Atto II, è diretto dal maestro Roberto Gabbiani.

Unico cast per le tre repliche che seguiranno la “prima” nel mese di agosto: nel ruolo di Cio-Cio-San Svetlana Aksenova, Anna Pennisi interpreterà l’ancella Suzuki; nel ruolo di Pinkerton tornaAngelo VillariStefano Antonucci sarà Sharpless, Saverio Fiore Goro, Andrea Porta Yamadori,Erika Beretti Kate Pinkerton, e Fabrizio Beggi lo Zio Bonzo.

Tutti gli spettacoli avranno inizio alle ore 21. Dopo la “prima” di venerdì 29 luglio Madama Butterflyverrà replicata ad agosto mercoledì 3, sabato 6 e lunedì 8.

Con l’ultima opera in cartellone si chiudono anche gli appuntamenti con le “Lezioni di Opera”: Il maestro Giovanni Bietti presenterà Madama Butterfly in occasione della “prima” di venerdì 29 luglio, alle ore 19.15, nel suggestivo e unico scenario delle Terme di Caracalla. Il costo del biglietto per la lezione è di 5 euro, in vendita presso la biglietteria del Teatro Costanzi dal lunedì al sabato dalle 10 alle 18, domenica dalle 9 alle 13.30. [email protected][email protected].

Prosegue invece fino alla chiusura della Stagione Estiva (mercoledì 10 luglio con l’ultima replica deIl barbiere di Siviglia) My Caracalla, progetto realizzato dal Dipartimento Didattica e Formazione del Teatro dell’Opera di Roma in collaborazione con la Soprintendenza Speciale per il Colosseo e l’area archeologica centrale di Roma. Consiste in una visita guidata al Monumento delle Terme di Caracalla, un aperitivo in area riservata all’interno delle Terme e uno spettacolo (a scelta tra NabuccoIl barbiere di Siviglia e Madama Butterfly). L’iniziativa è riservata ai possessori del biglietto dello spettacolo in programmazione nella stessa serata. I pacchetti vanno da 100,00 euro nel settore A ai 50,00 euro del settore D. Le visite, realizzate da Coopculture, partiranno dalla biglietteria delle Terme di Caracalla alle 19.15. Per informazioni e prenotazioni contattare il Servizio Promozione Pubblico, [email protected]

TEATRO DELL’OPERA DI ROMA

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo