06 Maggio 2021

Pubblicato il

La storia di Tommy, il primate da primato, è arrivata anche qui

di Redazione

Il caso. Gli scimpanzè non sono persone: il tribunale USA nega a Tommy la personalità giuridica e la libertà

Si chiama Tommy, ed è newyorkese, il primo scimpanzè ad aver intrapreso, “personalmente”, una vera e proprio battaglia legale per ottenere e difendere i diritti della specie. A darcene notizia è la Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente.

Tommy: ventisette anni interamente vissuti da prigioniero, solo in una gabbia a Gloversville, nello stato di New York. Finché Steven Wise, avvocato americano convinto che “gli animali con qualità umane meritano diritti fondamentali, compresa la libertà dalla prigionia”, non ha depositato una causa davanti al tribunale della contea di Fultom.

Nella sua istanza Wise chiede che al suo “assistito” venga riconosciuta la “personalità giuridica” e, attraverso questa, la libertà. L'avvocato Wise, non a caso, è anche alla guida di un movimento chiamato Nonhuman Rights Project che mira ad ottenere l’attribuzione del concetto di “persona” ad alcuni animali, tra cui appunto gli scimpanzé.

Sfortunatamente per Tommy e per chi si è generosamente interessato alla sua vicenda, la Corte d’appello dello Stato di New York ha affermato che lo scimpanzé non può essere riconosciuto come dotato di “personalità giuridica” e perciò non ha diritto ad esser liberato. Il tribunale, che ha deciso all’unanimità di negare lo status di persona giuridica a Tommy, ha rigettato la richiesta spiegando che “i primati non hanno i doveri legali o le responsabilità che conferiscono i diritti agli esseri umani”.

Contariamente, se la Corte statunitense avesse disposto diversamente, accogliendo il ricorso di Wise, la decisione avrebbe assunto una portata rivoluzionaria. O meglio: senza precedenti. Poichè, in un sistema giuridico di Common Law quale quello americano, è proprio il precedente giurisprudenziale che crea il diritto. Così, la libertà di Tommy sarebbe bastata a motivare le richieste di tutti quegli animali che soffrono la cattività.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento