Vuoi la tua pubblicità qui?
08 Dicembre 2021

Pubblicato il

La Sapienza, animalisti del PAE protestano per liberare i macachi

di Redazione
La Pro-Test Italia di risposta ha organizzato una contro manifestazione a sostegno del prof. Caminiti

Professor Roberto Caminiti: ricercatore o torturatore? Sulla figura del professore ordinario di Fisiologia umana dell’Università “La Sapienza” di Roma è in corso una disputa tra gli attivisti della Lega Anti-Vivisezione e del Partito Animalista Europeo – che oggi, alle ore 10:30, protesteranno in piazzale Aldo Moro al grido di “salviamo i macachi” – e la Pro-Test Italia, associazione no-profit nata per la difesa della ricerca biomedica.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il dibattito tra le due fazioni, da sempre in disaccordo sulla predittività dei modelli animali nella ricerca scientifica, è nato dalle clip con cui la trasmissione Striscia la Notizia ha denunciato la presenza di quattro scimmie detenute nel Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia dell'Ateneo romano in «gabbie piccole» con un «perno nel cranio» per «esperimenti celebrali».

Caminiti e il suo staff, in una nota, hanno replicato che «lo stabulario dove sono custoditi gli animali è autorizzato in base alle leggi vigenti (D.Lvo 26/2014) ed è oggetto di controlli periodici da parte della Asl competente e degli ispettori del Ministero della Salute» e che tutti i dettagli metodologici e gli esiti delle sperimentazioni «sono pubblicati su riviste scientifiche internazionali indicizzate e reperibili sul database di letteratura scientifica PubMed». Insomma, per i ricercatori tutto sarebbe nella norma, l'attività svolta nei laboratori dell'Ateneo è assolutamente in linea con la normativa vigente in materia e il servizio di Striscia è soltanto una bufala.

Secondo il Partito Animalista Europeo, che ha sempre sostenuto l'utilizzo di metodi di ricerca alternativi a quello animale e nel 2013 è stato protagonista del salvataggio di otto beagle internati negli stabulari della “Menarini Ricerche S.p.a.” di Pomezia, «il video è un'ulteriore prova del gravissimo stato di tortura in cui i primati versano, dal momento che appare evidente come gli animali siano immobilizzati a livello del bacino, e costretti con dei grandi collari che ne impediscono i movimenti».

Intanto «la Procura di Roma ha iscritto sul registro degli indagati il Prof. Roberto Caminiti, reato contestato maltrattamento animali art. 544-ter codice penale. Il fascicolo è stato assegnato al Pubblico Ministero Lionetti Santina» ha reso noto il responsabile dell'ufficio legale del PAE, Avv. Cugini.  

Vuoi la tua pubblicità qui?

La Pro-Test Italia, d'altro canto, ha organizzato una contromanifestazione in risposta a quella del PAE, per testimoniare solidarietà al professor Caminiti e «al fine di promuovere notizie pubbliche scientificamente corrette e veritiere, così da contribuire ad una migliore comprensione ed apprezzamento della ricerca animale eseguita con giudizio».

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo