Vuoi la tua pubblicità qui?
07 Dicembre 2021

Pubblicato il

Roma La Rustica. Per lavori al manto stradale, deviate linee 447 e 543

di Redazione
Le informazioni (poche) dal sito muoversiaroma.it

Nel quartiere La Rustica i lavori di rifacimento del manto stradale di via Dameta, tra via di Cervara e via Naide, dureranno fino all’8 agosto. Per questo le linee 447 e 543, provenienti rispettivamente dalla stazione Rebibbia della metro B e da viale della Primavera, sono deviate su percorsi alternativi.

Queste sono le indicazioni sul sito web www.muoversiaroma.it se cerchiamo di sapere qualcosa in più sulle deviazioni delle linee degli autobus 447 e 543. Mancano, secondo noi, alcuni dettagli al fine di comunicare in maniera precisa ai cittadini quali cambiamenti verranno adottati dall’azienda di trasporti romana.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Innanzitutto non vediamo la data di inizio lavori, ma essendo questi già iniziati da qualche tempo possiamo pensare che la suddetta data sia stata rimossa. “Sono deviate su percorsi alternativi”: va benissimo saperlo ma sarebbe logico, secondo il nostro punto di vista che questi percorsi alternativi siano messi in evidenza con qualche riga in più.

“Restano temporaneamente soppresse le fermate 78160, 78161, 78162 e 80469” leggiamo invece su un altro sito. Benissimo anche qui; dalle fermate elencate sopra è presente un servizio di navetta o qualcosa di simile al fine di non lasciare anziani, donne in stato di gravidanza e comuni cittadini non isolati?

Il particolare percorso dei due bus, 543 e 447, rende necessario un servizio di trasporto sostitutivo per evitare che la cittadinanza sprovvista di mezzi propri o impossibilitata a guidare, rimanga nella propria zona di residenza senza quasi via d’uscita.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Ci auguriamo che per le prossime volte le comunicazioni ed i servizi siano un po’ più precisi e migliori.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo