23 Ottobre 2021

Pubblicato il

L’angolo dell’umanista: di fronte al Destino

di Daniele Lorusso
Vivere vuol dire saper contrattare con il Caso, la Sorte, il Destino, il Fato. Ognuno di noi gioca una partita a scacchi con la Morte

Appartiene all’umanità come tale, il desiderio di spingersi costantemente oltre i limiti naturali della nostra condizione. Dall’avventura di Alessandro Magno a quella della scienza moderna, molta parte della cultura occidentale può essere iscritta sotto questa cifra. Nessuna scoperta dell’America e nessun viaggio sulla luna, nessun tentativo di volo e nessuna fissione nucleare, se gli uomini non avessero avuto questo demone.

Così, di fronte a recenti notizie, come la morte degli scalatori Daniele Nardi e Tom Ballard sul Nanga Parbat, così come di giovani morti o in fin di vita per il Parkour – una disciplina sportiva che consiste nel compiere spericolate evoluzioni sui tetti dei palazzi – può sorgere la domanda, a volte legittima, se non sia inutile morire così. Gli antichi, meno seriosi e moralisti di noi moderni, adoperavano l’espressione: “muore giovane chi agli dèi è caro” (Menandro). 

Se Nardi e Ballard fossero riusciti nell’impresa, avrebbero cambiato la storia dell’alpinismo. Certo, per il parkour non è la stessa cosa. Ma quanti sono stati i grandi intellettuali europei, ad aver esaurito la loro parabola esistenziale in un breve numero di anni? A volte il problema è il nostro vuoto e, allora, vivere vuol dire saper contrattare con il Caso, la Sorte, il Destino, il Fato. Come nel “Settimo sigillo” di Bergman, ognuno di noi gioca una partita a scacchi con la Morte, da cui può uscire soltanto perdente. Si tratta soltanto di tempo.

Allora ci piace accompagnare di un pensiero affettuoso, chi – meno fortunato – ha messo un piede in fallo e ha chiuso la partita più in fretta di noi. È ciò che ci piacerebbe, se succedesse a noi. Non che l’etica non abbia le sue leggi, in cui rientra anche il dovere del rispetto di sé, ma il terreno della vita non è quello delle considerazioni a tavolino. A volte le situazioni sono talmente complesse, che l’indulgenza, in nome della comune condizione umana, è l’unico criterio che sembra reggere.

(Foto, Sfinge di Nassi)

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo