18 Settembre 2021

Pubblicato il

In Senato il ricordo di Eduardo De Filippo a 30 anni dalla morte

di Redazione
La manifestazione è stata curata da Luca De Filippo e Francesco Tavassi. Sarà trasmessa in diretta da Rai 3

Un ricordo in onore di Eduardo De Filippo a Palazzo Madama. L'Aula del Senato della Repubblica, a 30 anni dalla scomparsa dell'attore napoletano morto a Roma nel 1984 e insignito del titolo di senatore a vita nel 1981 dall'allora presidente della Repubblica Sandro Pertini, ospiterà 'Cantata delle parole chiare. Voci dal teatro di Eduardo in Senato'.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Sarà il presidente del Senato, Pietro Grasso, ad aprire la celebrazione. Seguirà l'intervento del figlio Luca De Filippo, che leggerà alcuni passaggi dell'intervento in Aula tenuto da Eduardo il 23 marzo 1982 quando il senatore a vita affrontò, in un'interpellanza all'allora ministro di Grazia e Giustizia, la condizione dei giovani detenuti nell'Istituto Filangieri di Napoli.

Si alterneranno, poi, le voci di  Giorgio Albertazzi, Anna Bonaiuto, Mariangela D'Abbraccio, Luca De Filippo, Carlo Giuffrè, Gianfelice Imparato, Silvio Orlando, Umberto Orsini, Angela Pagano, Massimo Ranieri, Mariano Rigillo, Fausto Russo Alesi, Lina Sastri e Toni Servillo, che interpreteranno brani tratti da 'Filomena Marturano', 'Gli esami non finiscono mai', 'La paura numero uno', 'Napoli milionaria', 'Natale in casa Cupiello', 'Figlio di Pulcinella', 'L'Arte della Commedia', oltre alle poesie e alle lettere scritte da Eduardo De Filippo. Il Maestro Nicola Piovani eseguirà un estratto riarrangiato della sua opera tratta dal poemetto di De Filippo dal titolo 'Padre Cicogna'.

La manifestazione è stata curata da Luca De Filippo e Francesco Tavassi. La cerimonia, che inizierà alle 11, sarà trasmessa in diretta televisiva, realizzata da Rai Parlamento, da Rai3 e Rai5 e dal canale satellitare e webtv del Senato.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo