23 Ottobre 2021

Pubblicato il

Modi e sistemi

Il “Sistema Tor Vergata”, come funzionano i concorsi per premiare i migliori

di Redazione
Cosa succederà a Tor Vergata nel prossimo futuro? Vedremo se il sistema Tor Vergata è sparito o ha solo cambiato pelle e volti
Policlinico Tor Vergata
Policlinico Tor Vergata, Roma

Del “Sistema Tor Vergata” si è recentemente parlato in una puntata di fine luglio su Radio Radio, con ospiti il Prof. Pierpaolo Sileri, sottosegretario alla Salute, e il Prof. Gaetano Chiricolo direttore dell’UOS UTIC presso il policlinico Universitario Tor Vergata di Roma.

Come funziona il Sistema della carriera universitaria

Nel corso della rubrica si è discusso della presenza di un sistema condizionante la carriera dei docenti universitari guidato con la finalità di far crescere chi appartiene al sistema, mettendo in secondo piano la meritocrazia. Un metodo che naturalmente non riguarda solo Tor Vergata.

Il Professor Sileri ha sottolineato che con l’arrivo del nuovo Rettore il clima sembra essere cambiato.

Il professor Chiricolo ha affermato che comunque sarà solo il tempo a dire se realmente il cambiamento auspicato da tutti sia vero e soprattutto, nell’area della cardiologia, saranno le scelte operate dai vertici a dire nella sostanza che tipo di futuro avrà Tor Vergata.

Si è parlato di fatti molto gravi, come la passata gestione del direttore della cardiologia e di un presunto piano indirizzato a garantire una continuità gestionale, individuando nel Prof. Francesco Barillà, appena arrivato a Tor Vergata (nel gennaio 2021), il suo successore.

Chiamata per Chiara Fama

Sottolineato in trasmissione come un aspetto virtuoso, si è accennato a una procedura in corso per la chiamata di un professore di prima fascia per Chiara Fama. Questa procedura, ancora in corso, sta trovando ostacoli improvvisi nel suo iter, perché procedura non gradita al sistema.

Appare strano che sul finire di agosto, con precisione il 23, sia comparso sul sito del policlinico Tor Vergata un avviso interno per il conferimento di incarico di direzione dell’UOC Cardiologia.

Appare poco logico occupare uno spazio così importante prima che sopraggiunga la prima fascia in corso di chiamata e soprattutto non se ne ravvisa la necessità, in quanto l’attuale facente funzione, Professor Eugenio Martuscelli, sta ben conducendo il reparto (non risultano notizie diverse).

Seguiremo con attenzione cosa accadrà dopo il 22 di settembre, data ultima per partecipare alla selezione.

Abbiamo letto il bando e abbiamo notato che l’articolo 3, “aspetti di carattere specifico”, richiede “comprovata competenza ed esperienza di emodinamica e trattamento interventistico di patologie coronariche e valvolari”.

Nel bando è richiesta comprovata competenza di emodinamica

Il Prof. Francesco Barillà è sprovvisto di questo requisito ma è sicuro di vincere la competizione, perché così sembra gli sia stato assicurato (gossip interni alimentati dallo stesso candidato).

Alcuni sostengono che lo stesso Professor Romeo, presidente del collegio degli ordinari, abbia pianificato il suo arrivo a Tor Vergata. Romeo, tirato in ballo in una chat pubblicata su “Il fatto quotidiano”, in merito a un concorso tenutosi presso l’università dell’Aquila dove ha vinto il peggiore (parliamo naturalmente di titoli, ma i titoli in un concorso del genere non può non contare) afferma invece la sacralità del giudizio della commissione.

Come riporta Il Fatto quotidiano, lo sconfitto con il maggior H index, Giuseppe De Luca di Novara è risultato sconfitto anche in una competizione tenutasi precedentemente a Tor Vergata, nella quale prevalse lo stesso Barillà.

E il vincitore, prof. Francesco Barillà, aveva un H index inferiore. Ma forse essere calabrese e amico del Prof. Francesco Romeo (entrambi della provincia di Reggio Calabria) e appartenere all’apparato apicale SIC da più di un decennio, aiuta. E’ solo un’ipotesi ma non è difficile valutare come una macroscopica anomalia che un candidato venga giudicato da una commissione, nella quale, i giudicanti e il giudicato appartenevano al direttivo della SIC (Società Italiana Cardiologia).

La commissione giudicatrice era formata dal Prof. Ciro Indolfi (presidente della società italiana di cardiologia SIC), il segretario della commissione il professor Gianfranco Sinagra (vice-presidente SIC) e il candidato premiato, prof. Francesco Barillà (presidente FINSIC finanziaria della SIC).

Non mancheremo di tenervi informati su quanto succederà a Tor Vergata nel prossimo futuro. Vedremo così se il sistema Tor Vergata è sparito o ha solo cambiato pelle e volti.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo