Vuoi la tua pubblicità qui?
09 Dicembre 2022

Pubblicato il

Il Governo raddoppia la paga dei detenuti-lavoratori. E per la Polizia?

di Redazione
De Lieto: "Il Governo si preoccupa di adeguare la paga dei detenuti che lavorano e dimentica di adeguare gli stipendi della Polizia"

Si apprende che il Governo raddoppierà la paga per i detenuti che lavorano in carcere, portandola sino a 1.000 euro. Indubbiamente il Governo adegua la remunerazione a norme contrattuali vigenti. Viene, ovviamente, da chiedersi: chi paga il vitto, l’alloggio, il vestiario, le cure del detenuto-lavoratore? – Così ha commentato il Presidente Nazionale del Libero Sindacato di Polizia (LI.SI.PO.), Antonio De Lieto – Il Governo italiano si preoccupa di adeguare la paga dei detenuti che lavorano, dimenticando, però, di adeguare gli stipendi della Polizia Penitenziaria e di tutti gli appartenenti alle Forze di Polizia, che da anni attendono il rinnovo del contratto di lavoro e che sono costretti a vivere con stipendi modestissimi ed addirittura, devono attendere a lungo, per il pagamento di indennità. Il costo della vita – ha continuato de Lieto – aumenta  per tutti, anche per  gli operatori di Polizia e questi servitori dello Stato, sono costretti, mese dopo mese, a ”tagliare” le spese, anche per i figli, la moglie, i genitori. Rinunce, privazioni, delusione e mortificazione, sentendosi dimenticati nei loro bisogni, da chi avrebbe il dovere di farsi carico delle  loro esigenze. Il Libero Sindacato di Polizia (LI.SI.PO.) – ha concluso de Lieto – chiede  il miglioramento delle condizioni economiche e normative  degli operatori di Polizia, che tenga pienamente conto del lungo lasso di tempo trascorso, dalla firma dell’ultimo contratto.

Antonio Curci (Uff.stampa Li.Si.Po.)

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo