05 Agosto 2021

Pubblicato il

II municipio, bocciata la giornata per le vittime del terrorismo

di Redazione
Respinto l’ordine del giorno di Elena Improta della Lista Marchini

E’ stato respinto ieri l’ordine del giorno presentato da Elena Improta, consigliera della Lista Marchini, per ricordare le vittime del terrorismo. La giornata di  commemorazione doveva avvenire oggi, 9 maggio, anniversario dell’uccisione del presidente Aldo Moro, nel 1978, da parte delle brigate rosse.

Vuoi la tua pubblicità qui?

“Sono ben quattordici – ha dichiarato Elena Improta – le vittime del terrorismo cadute nel Municipio II dal 1966 al 1999. Un tributo di sangue incredibile per il nostro territorio, che è stato attraversato dalla violenza degli anni di piombo, dalla cieca brutalità dei NAR e da quella delle vecchie e nuove BR. Eppure la maggioranza ha voluto cancellare i nomi di queste vittime dal documento ed eliminare ogni riferimento alla violenza politica. Un atto gravissimo, simbolo di ideologie miopi”.

“Miope e dalla memoria corta, la maggioranza dimentica che il 16 giugno 2011, in una lettera aperta al sindaco Alemanno, la sinistra chiedeva al primo cittadino ‘un’area verde da dedicare a tutte le vittime della violenza politica e azioni che portino beneficio comune, che vadano mai a dividere e sempre ad unire la cittadinanza’. Tra i firmatari nomi noti e meno noti di politici, registi, intellettuali e sindacalisti – tutti insieme per chiedere quello che oggi è stato rifiutato”.

“Spero che in futuro un’amministrazione più lungimirante – ha concluso la consigliera della Lista Marchini – possa dedicare un monumento ai caduti vittime del terrorismo in un luogo significativo del Municipio II. Perché, passando di lì, nessuno di noi possa sottrarsi al dovere della memoria e non dare mai per scontato il diritto di un futuro, libero da ogni forma di violenza politica”.

Tale bocciatura ha veramente dell'incredibile.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo