Vuoi la tua pubblicità qui?
30 Ottobre 2020

Pubblicato il

Grande Fratello Vip, Antonella Elia: E per fortuna che ci sono le telecamere…

di Marco Vittiglio

La bionda ex valletta di Mike Bongiorno ha accusato perentoriamente Patrick di averla strattonata e spinta

Se non ci fossero state le telecamere 24 ore su 24 nella casa del Grande Fratello Vip, i telespettatori si sarebbero trovati davanti alla tv ad assistere e ad ascoltare l’ennesimo argomento televisivo riguardante ai maltrattamenti e alle violenze sulle donne. E’ il caso che ha visto protagonista Antonella Elia e suo malgrado senza colpa alcuna e Patrick Pugliese. La bionda ex valletta di Mike Bongiorno ha accusato perentoriamente Patrick di averla strattonata e spinta, incurante di ciò che le parole proferite avrebbero potuto creare nei confronti del biondo partecipante della Casa. La Elia ha raccontato una storia mentendo in maniera così evidente in relazione a quanto i filmati messi in onda hanno dimostrato, un'interpretazione che sarebbe stata degna del premio Oscar, al punto che le rimostranze di Patrick alle accuse della stessa sembravano essere molto flebili.

Vuoi la tua pubblicità qui?

A pensarci bene la cosa non è di poco conto, considerando che di questi tempi e con tutte le notizie relative ai maltrattamenti subìti dalle donne, quanto dichiarato dalla Elia avrebbe potuto scatenare un putiferio, ma proprio grazie alle telecamere si è potuto constatare che nulla di quanto dichiarato dalla Elia fosse accaduto. Fortunatamente la tecnologia ha letteralmente salvaguardato il concorrente della casa del Gf Vip da un’accusa che oltre ad essere molto grave avrebbe potuto macchiarne l'immagine di artista ma soprattutto dell'uomo. Immaginiamo cosa sarebbe accaduto non ci fossero state le telecamere. A chi avrebbe dato credito il pubblico? Ma sopratutto come sarebbe stato considerato Patrick Pugliese e quali ripercussioni avrebbe dovuto subire? 

di Marco Vittiglio, giornalista e critico televisivo

Vuoi la tua pubblicità qui?

Roma, il Pm: "Prostituzione minorile anche tra 10 e 13 anni e abusi in aumento"

Chi conduce "Live, non è la D'Urso"? Sembra condotto dalla famiglia Favoloso

 

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento