Vuoi la tua pubblicità qui?
29 Novembre 2021

Pubblicato il

Genova, dott. Canale, Galliera: “Letti occupati da no-vax, spesso negazionisti”

di Redazione
Si sfoga in un'intervista il dottor Francesco Canale, direttore sanitario dell'ospedale Galliera di Genova
paziente intubato in terapia intensiva e medico

Si sfoga in un’intervista su La stampa il dottor Francesco Canale, direttore sanitario dell’ospedale Galliera di Genova che racconta l’esasperazione che si vive nei reparti Covid, dove i pazienti soffrono ma diffidano delle cure sanitarie.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Dott. Canale: “Più della metà dei ricoverati sono no-vax”

“Abbiamo i letti pieni di no-vax, dobbiamo rinunciare a ricoverare altri malati. I no-vax ricoverati sono il cinquanta- sessanta % di quelli in media intensità di cure, e il 100% di quelli rianimazione.

Talvolta sono perfino arroganti e negazionisti. Appartengono a fasce di età media più giovane, dai 45 ai 60 anni”.

La frustrazione, il senso di impotenza e al contempo il dovere di salvare vite, tormentano i medici che ogni giorno si confrontano con persone che diffidano delle terapie, accusandoli perfino di far loro del male.

Problema dei posti letto precedente alla pandemia

“Non è la prima volta che non si trova posto al reparto malattie infettive e la causa non è solo la pandemia. Accadeva anche prima”, spiega il medico. E questo dovrebbe far riflettere sull’inefficienza della medicina territoriale nel nostro paese, almeno in molte regioni.

Sulla terza dose

L’incidenza è salita a 78,8 casi ogni 100.000 abitanti in Liguria. Il valore d’allarme 50 ogni 100.000 abitanti. E alla domanda se questo sia un dato preoccupante Canale risponde: “Non mi preoccupa particolarmente ma non va sottovalutato”.

Per quanto riguarda la terza dose dice che richiamerebbe rapidamente tutte le categorie a rischio per ricevere il booster, a partire dalle residenze sanitarie.

Immagine di Archivio

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo