Vuoi la tua pubblicità qui?
08 Dicembre 2021

Pubblicato il

Garante privacy: non padre e madre, ma “genitore 1” e “genitore 2”

di Federico Zamboni
Il Viminale vuole tornare alle definizioni tradizionali e rigetta il parere. Salvini: "Noi andiamo avanti”

Eccesso di cautela, per dirla in maniera molto, molto gentile. Secondo il Garante della privacy, l’autorithy istituita con la legge 675/1996, sui moduli per la richiesta dei documenti di identità dei minorenni non bisogna tornare a usare i consueti termini di padre e madre, ma conservare quelli di “genitore 1” e “genitore 2”.

I primi, infatti, sarebbero troppo specifici, in quanto rimandano subito all’idea che il padre sia un uomo e la madre una donna. Ergo, non vanno bene quando invece, ahinoi, la situazione non è altrettanto netta e i genitori sono entrambi uomini, o entrambe donne. O quando magari il genitore è soltanto uno e non desidera optare per una scelta precisa. Certo: perché limitare il proprio ruolo ingabbiandolo in una definizione precisa? Una mattina ci si sveglia e ci si sente più “madre”. Un’altra mattina ci si sente più “padre”. O magari si cambia punto di vista durante la giornata: a colazione padre, a merenda mamma, a cena… chissà.

Chi garantisce davvero, il Garante?

La cosa grottesca è che si sostiene che questi accorgimenti dovrebbero tutelare i minori. Quando invece servono solo a gratificare gli adulti (si fa per dire “adulti”) che si sono lasciati riempire la testa delle fisime del politicamente corretto. E quindi, nell’ansia di non fare torto a nessuno, fanno a pezzi il buon senso.

A proposito: i minorenni in questione, e in particolare quelli più piccoli che ancora non sono in grado di addentrarsi in queste sottigliezze, come si dovranno regolare, in pubblico o in privato? Saranno liberi di utilizzare i vecchi termini, o andranno immediatamente abituati a ricorrere ai nuovi?

Proviamo a immaginarceli. Il piccino cade a terra e si fa un po’ male e scoppia a piangere. In effetti gli verrebbe da gridare “Mamma!”. Viceversa, anche se a scuola non c’è ancora andato e quindi non ha dimestichezza coi numeri, deve urlare “Ahia, ahia, Genitore 1”. O forse “Ahia, ahia, Genitore 2”. Va’ a capire come si sono messi d’accordo loro, i “genitori 1 & 2”.

Ma il Viminale non ci sta

Pronta, però, la replica di Matteo Salvini, che pure aveva sollecitato il parere del Garante in vista del ritorno alle definizioni tradizionali di padre e madre: "Noi andiamo avanti: non esiste privacy che neghi il diritto ad un bimbo di avere una mamma e un papà”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

È quello che i maniaci del ‘politicamente corretto’ non capiscono, o fanno finta di non capire. Per riverire l’eccezione, non esitano a imporre scelte cervellotiche ai moltissimi altri che quell’anomalia non ce l’hanno. E che perciò, pensa te che pretesa, vorrebbero continuare a chiamare le cose con le parole consuete: più che consuete, anzi, naturali.

Leggi anche:

Salvini: "Entro novembre abbatterò villa Casamonica con ruspa"

Giornalisti in piazza anche a Roma. Ma è una logica sballata

Da un lato la Sanità lombarda, dall'altro la sanità al sapore di seppia

Vuoi la tua pubblicità qui?

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo