Vuoi la tua pubblicità qui?
24 Novembre 2020

Pubblicato il

Fronte Europeo per la Siria: intervista a Feola

di Redazione

RomaIT in diretta da Montreux

Giovanni Feola, responsabile del Fronte Europeo per la Siria (coordinamento nato a inizio 2013 -ndr) commenta così la dimostrazione pacifica che si sta svolgendo in queste ore a Montreaux: “Gli unici sostenitori della pace in Siria sono qui oggi e sono tutti a favore del legittimo presidente Bashar Assad”.

Oltre cinquecento manifestanti filo governativi si sono dati appuntamento in data odierna, davanti al Montreaux Palace Hotel, e – come ci fa notare Feola – “guarda caso tra la folla dei dimostranti non sono presenti membri dell’opposizione, perché non esiste una reale opposizione di popolo. Questa defezione è la dimostrazione del fatto che il CNS è una realtà ben distante dal tessuto sociale siriano e dalle sue comunità all’estero”.

“Dopo tre anni di guerra civile – continua il responsabile del Fronte – è stato smascherato l’inganno mondiale ordito ai danni della Siria e, tramite l’appuntamento di Ginevra II, la figura di Assad viene finalmente reintegrata e riconosciuta a livello internazionale”.

“Come Fronte auspichiamo che, al termine delle trattative di pace, i Paesi finanziatori del fondamentalismo chiudano con le organizzazione terroristiche che hanno sinora foraggiato, con la conseguente pacificazione nazionale e il ripristino della sovranità sulla totalità del territorio siriano e – conclude Feola – che le mire egemoniche dell’Arabia Saudita vengano definitivamente ridimensionate”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

*nel video circa 500 manifestanti, che hanno montato un presidio pacifico, stanno inneggiando “Allah, Siria, Bashar Assad” e intonando canti tradizionali. I sostenitori filo governativi si sono ritrovati sulla Riviera svizzera per domandare la pace e la restaurazione della sovranità nazionale sotto la guida di Assad, che acclamano come loro legittimo presidente.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento