23 Ottobre 2021

Pubblicato il

Lezioni

Festivalfilosofia, Galimberti: “Non siamo mai liberi, ed è una fortuna”

di Redazione
La lezione magistrale del filosofo Umberto Galimberti ai giornalisti
umberto galimberti
Umberto Galimberti

“Siamo sempre determinati dalla nostra identità, non siamo mai liberi. E’ solo un’illusione e guardate che è una fortuna”. Irrompe con questa apocalisse di determinismo il filosofo Umberto Galimberti, a Modena in sala stampa, per presentare la sua lezione magistrale ai giornalisti ed è una doccia fredda nel festival dedicato alla libertà.

Non ci sono eccezioni e anche sulle lotte rivoluzionarie di emancipazione che hanno fatto la storia dell’umanità il filosofo dà una lettura che non lascia spazio a idealismi: “Sono state insurrezioni dal fondo religioso, escatologico, per la salvezza. Pensate alla rivoluzione francese – ha detto – era fondata su ideali cristiani.

Gino Strada, l’amore

La libertà arriva con il mondo giudaico-cristiano, i greci, gente seria, sapevano che c’era l’ananke, la necessità, il destino”. All’agenzia Dire su scelte come l’eroismo, le conversioni o le lotte per amore il filosofo ha risposto: “Chi è eroe ha identità di eroe, Gino Strada non avrebbe mai potuto fare il medico della mutua, e non può essere altro, le conversioni sono forme di pazzia – ha detto con un sorriso – e l’amore…è una scelta di pulsione erotica. Ce lo ha spiegato Freud”.

L’illusione della libertà

E’ su questa lettura che secondo Galimberti è impostata un’affidabilità sociale degli individui: sono quello che sono, e non possono essere altro. Eppure “l’illusione della libertà ha fatto storia, come l’idea di Dio – ha ammesso – e sul concetto di libertà è fondato l’ordine religioso e quello giuridico. L’illusione della libertà ha un vantaggio sociale: se sei libero, sei responsabile e quindi sei punibile”.

L’identità quindi è fissa, e la psicoanalisi? “Serve a capire chi siamo, a dare un nome al dolore. Eschilo – ha concluso Galimberti – diceva che ‘il dolore è un errore della mente’, bene riempiamo le scuole di letteratura e meno Pc, per dare un nome alle cose“. (Sim/ Dire) 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo