Vuoi la tua pubblicità qui?
31 Ottobre 2020

Pubblicato il

Vincitori e vinti

Elezioni 2020, il 3-3 alle Regionali fa esultare soprattutto il Pd

di Mirko Ciminiello

Il centrodestra strappa le Marche e si conferma in Veneto e Liguria, ma il centrosinistra tiene in Campania, Puglia e Toscana. E il M5S, asfaltato, si consola col Sì al referendum

elezioni regionali 2020
Elezioni Regionali 2020

Le elezioni 2020 non hanno riservato grosse sorprese. Né dal lato del referendum sul taglio dei parlamentari, che ha visto la preconizzata, netta affermazione del . Né dal lato delle Regionali, conclusesi con un 3-3 che fa esultare soprattutto il Pd (il dato non tiene conto dell’unicum rappresentato dalla Valle d’Aosta). Semmai, meraviglia – e in positivo – il dato dell’affluenza, superiore al 50% sia per le amministrative che per la consultazione referendaria. In epoca di pandemia, non era affatto scontato.

Vuoi la tua pubblicità qui?

I risultati delle elezioni 2020

I risultati, innanzitutto. In Veneto, nuovo plebiscito per il leghista Luca Zaia, che tornerà a Palazzo Balbi per il suo terzo mandato con percentuali bulgare. Conferma anche per Giovanni Toti, leader di Cambiamo!, che guiderà la Liguria per la seconda volta. Cambiano colore invece le Marche, che per la prima volta saranno guidate dal centrodestra dopo la netta affermazione di Francesco Acquaroli, esponente di FdI.

Nessun ribaltone, invece, nelle due Regioni considerate maggiormente in bilico, ma che di fatto non sono mai state davvero in discussione. La Puglia, dove ha prevalso il Governatore uscente Michele Emiliano, alla guida di una coalizione di centrosinistra dopo l’uscita dal Partito Democratico. E, soprattutto, la Toscana, rimasta saldamente rossa dopo la vittoria del dem Eugenio Giani. Trionfo più comodo, infine, per l’altro democratico Vincenzo De Luca, che governerà la Campania per un altro quinquennio.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Infine, c’è il dato del referendum confermativo sulla riforma dei taglio dei parlamentari, che non prevedeva quorum. E che ha visto lo scontato e schiacciante successo del Sì con quasi il 70% dei consensi.

Ça va sans dire, come in qualsiasi tornata elettorale che si rispetti anche nelle elezioni 2020 “hanno vinto tutti”. Il centrodestra, che rispetto a un lustro fa ha guadagnato una Regione, per di più di tradizione rossa. Ma, soprattutto, il centrosinistra, che aveva lo spauracchio della catastrofe toscana e invece ha mantenuto tre grandi amministrazioni. Oltre ad aver lanciato un segnale politico importante, sia all’opposizione che agli altri azionisti di maggioranza del Governo Conte bis. E perfino il M5S che, pur essendo sempre più ridotto ai minimi termini, ha portato a casa il provvedimento-bandiera della riduzione degli onorevoli.

Beppe Grillo e il “pesto alla genovese”

Già, il MoVimento. Per cui il referendum rappresenta l’unica consolazione, ma anche un paradosso. Visti i numeri, infatti, la maggior parte dei parlamentari sforbiciati apparterranno proprio alla forza che più di tutte si è adoperata per tagliarli.

Se poi si elimina dall’equazione la consultazione referendaria, per i pentastellati le elezioni 2020 hanno fatto registrare l’ennesima débâcle. In particolare, scotta il dato della Liguria, terra del garante Beppe Grillo, nonché unica Regione in cui i demogrillini si presentavano con un candidato unitario. Il giornalista Ferruccio Sansa è uscito con le ossa rotte dalla competizione, segno inequivocabile che la fusione fredda appassiona più i leader che i cittadini.

Vuoi la tua pubblicità qui?

A completare la giornata è arrivata poi la sentenza sul processo Ream, che vedeva imputata il sindaco di Torino Chiara Appendino. La quale è stata condannata a sei mesi per falso ideologico. Sarà anche per questo che l’Elevato, umiliato in casa, al termine della giornata faceva venire in mente un “pesto alla genovese”.

Elezioni 2020, verso il rimpasto?

Sic stantibus rebus, il Pd potrebbe essere tentato di modificare gli equilibri interni alla coalizione governativa. Col segretario Nicola Zingaretti che da tempo, stando ai rumours, punterebbe al Viminale.

Nessuna crisi di Governo, comunque. Avevamo già argomentato che sarebbe stata poco probabile in ogni caso, e i risultati delle elezioni 2020 la allontanano ulteriormente. Non è invece da escludere un rimpasto, una prospettiva del resto già evocata più volte dagli addetti ai lavori.

Eppure, se questa è la strategia di via del Nazareno, suscita almeno qualche dubbio. Sul piano numerico, in primis, visto che i grillini avranno anche perso buona parte dell’appeal sugli elettori, però mantengono saldamente la maggioranza relativa in Parlamento.

Anche dal punto di vista “filosofico”, poi, questa mossa lascia perplessi. Perché, se il criterio fosse unicamente quello del gradimento contingente dei cittadini, i rosso-gialli dovrebbero essere a casa già da tempo.

Infine, c’è un aspetto più pratico e, volendo, più insidioso. Perché, se davvero si procederà al rimpasto di Governo, il primo a battere cassa sarà senza dubbio l’ex Premier Matteo Renzi. il cui micro-partito, Italia Viva, è stato asfaltato, senza riuscire a sfondare neppure nella natia Toscana.

Il fu Rottamatore è conscio che la sua visibilità rischia di essere agli sgoccioli, e difficilmente mollerà la presa. Col resto della maggioranza che si ritroverebbe in un Vietnam, sapendo già che l’altro Matteo non avrebbe remore nel “morire con tutti i Filistei”.

D’altra parte, l’anemia di voti lo mette nella condizione di non avere nulla da perdere oltre il confine dell’attuale legislatura. E quale miglior soddisfazione, allora, che condannare i suoi amici-rivali al Reddito di cittadinanza?

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento