30 Luglio 2021

Pubblicato il

Ecco come cambia la scuola a Roma e nel Lazio

di Redazione

E’ stato approvato dalla Giunta Regionale, su proposta del vicepresidente e assessore alla Scuola Massimiliano Smeriglio, il piano di dimensionamento scolastico 2016/2017

E’ stato approvato dalla Giunta Regionale, su proposta del vicepresidente e assessore alla Scuola Massimiliano Smeriglio, il piano di dimensionamento scolastico 2016/2017.

Tra le novità che riguardano la città di Roma, secondo quanto fa sapere l’agenzia OmniRoma: l’attivazione presso l’Istituto Professionale Einaudi (Municipio Roma XIII) dell’Istituto Tecnico – settore economico – indirizzo Turismo. Il nuovo percorso di studi guarda alle esigenze del territorio. L’attivazione dell’indirizzo Turismo è prevista anche per l’Istituto Tecnico-Commerciale Ruiz (Municipio Roma IX). Al Liceo Artistico di via di Ripetta (Municipio Roma I) arriva l’indirizzo Scenografia, presso l’istituto De Pinedo-Colonna (Municipio Roma VIII) l’opzione Costruzioni aeronautiche.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Per quanto riguarda invece i percorsi di II livello (ex corsi serali) all’ITIS Armellini (Municipio Roma VIII) vengono attribuiti gli indirizzi Elettronica ed Elettrotecnica-articolazione elettronica; all’Istituto Superiore De Amicis (Municipio Roma I) l’indirizzo Servizi socio-sanitari.

A Pomezia, sarà attivato presso il Liceo Artistico, anche il Liceo Linguistico, con l’obiettivo di risolvere i problemi di sovraffollamento delle scuole limitrofe e di pendolarismo dell’utenza.

A Frascati le articolazioni Enogastronomia e Servizi di sala e vendita presso l’Istituto Pantaleoni; a Monterotondo l’attivazione del Liceo delle Scienze Umane presso l’Istituto Catullo e l’articolazione Relazioni internazionali per il marketing presso l’Istituto Piazza della Resistenza; a Palestrina l’opzione Produzioni audiovisive presso l’Istituto via Pedemontana; a Civitavecchia, presso l’istituto Calamatta, le opzioni Apparati, impianti e servizi tecnici industriali e civili e Manutenzione dei mezzi di trasporto. Presso l’istituto Fermi di Tivoli l’indirizzo Amministrazione, finanza e marketing per il percorso di II livello (ex corsi serali).

Novità anche per Rieti, dove è prevista l’attivazione presso l’IIS Aldo Moro dell’articolazione Telecomunicazioni e del percorso di II livello per il conseguimento del diploma di Agrotecnico. A Viterbo viene messa in atto l’aggregazione dell’ITC Civita Castellana con l’IIS Colasanti; presso il Liceo Scientifico viene inoltre disposta l’opzione Scienze applicate presso il Liceo Scientifico, mentre presso la sede di Vetralla dell’IIS Canonica viene attivato il Liceo Linguistico. A Frosinone è prevista, presso la sede distaccata dell’IIS Cesare Baronio l’istituzione dell’indirizzo Servizi per l’enogastronomia e, presso la sede del Comune di Veroli, dell’indirizzo Ospitalità. A Cassino vengono attivati gli indirizzi Design e Scenografia presso il Liceo artistico, sede associata dell’IIS Righi, mentre a Sora l’indirizzo Grafica presso l’IIS Simoncelli. Per quanto riguarda Latina, a Sabaudia viene istituito il Liceo Scientifico presso l’Istituto omnicomprensivo Giulio Cesare.

“Il piano di dimensionamento è frutto di un importante lavoro di confronto con tutte le realtà interessate, che ha portato alla valorizzazione dell’offerta formativa nella nostra Regione, contestualmente alle peculiarità dei territori”, afferma Smeriglio, che si dice “soddisfatto del lavoro effettuato dal Gruppo di lavoro Regionale”: “Sono partite – spiega infatti – le attività del Gruppo di lavoro regionale per la valorizzazione dell’offerta formativa degli Istituti Tecnici e Professionali con l’obiettivo di individuare soluzioni che consentano la distribuzione ottimale degli indirizzi di studio in coerenza con le vocazioni imprenditoriali e occupazionali espresse dai territori, nonché il potenziamento delle nuove prospettive dell’alternanza scuola/lavoro”.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento