27 Febbraio 2021

Pubblicato il

Dino Rubino alla Casa del Jazz con “Roaming Heart

di Redazione

Roaming Heart si può considerare un diario in musica del suo vissuto nella città delle luci

Venerdi 13 novembre alla Casa del Jazz a Roma, il piano solo di Dino Rubino che presenterà in concerto il suo cd "Roaming Heart" . “Roaming Heart” è un vero e proprio viaggio nell’incognita del tempo, dell’estemporaneità, del sogno. Il disco che è stato registrato a Parigi e uscirà per la Tûk Music nel maggio del 2015 è un racconto non musicale in musica. Molte delle note suonate all’interno del disco, così come la maggior parte delle performance live, sono state improvvisate sul momento. Ogni passaggio assomiglia molto a un ritratto, a un’immagine, al ricordo di un preciso istante.  Ogni concerto in piano solo è un percorso sempre diverso, senza conoscerne mai né l’inizio né la fine. Dino Rubino, eclettico pianista e trombettista, tra i maggiori nuovi talenti del jazz italiano, ha pubblicato il nuovo album Roaming Heart.Il disco è stato prodotto artisticamente dallo stesso Dino insieme a Paolo Fresu; la produzione esecutiva vede la Tǔk Music affiancata da Pierre Darmon della label francese Bonsaï Music.La distribuzione italiana è come sempre curata da Ducale. Roaming Heart è il terzo album del musicista siciliano in casa Tǔk e arriva dopo l’omaggio a Miriam Makeba (Zenzi, 2012), e ad un anno da Kairòs, registrato in ottetto con una magnifica sezione di fiati.La copertina è Taken to Heart, intensa opera di Emiliano Ponzi, artista emiliano noto per avere collaborato con The Economist, Le Monde, The Guardian, The Boston Globe e Penguine Books per citare solo alcuni dei più rappresentativi; qualche tempo fa aveva illustrato un disco della nostra etichetta, Noè di Raffaele Casarano.

Il percorso di ricerca artistica ed interiore ha portato Dino Rubino a trasferirsi a Parigi da circa un anno e Roaming Heart si può considerare un diario in musica del suo vissuto nella città delle luci. Il disco, registrato in piano solo, espone il suo lato più intimo e lo dilata, poco dopo le esuberanze di Kairòs, estremamente lirico ma allo stesso tempo percorso da una sottile vena d’inquietudine.

L’album è stato interamente improvvisato in studio e rappresenta un viaggio interiore con ogni brano evocato da un’immagine, un ricordo, un’emozione affiorati al momento della registrazione. Roaming Heart si dipana tra brani originali, tra i quali svettano due dediche: una a Luca Flores, struggente, e una a John Lennon; c’è poi spazio a un omaggio esplicito a Fabrizio De André con una “fugata” versione di La Canzone Di Marinella. In chiusura, come ghost track, una versione dello standard Stompin at the Savoy, che chiude con una nota movimentata un album dai toni pacati ma non per questo privo di impatto emotivo. E’ lo stesso Rubino che ci parla del suo approccio verso la musica: “In generale l’approccio musicale tra le varie formazioni è diverso, soprattutto quando si suona da soli, ma l’obiettivo rimane lo stesso, vale a dire cercare di suonare laverità. Trovo che in ogni forma di verità ci sia sempre qualcosa di profondamente bello; bisogna avere molto coraggio per abbandonarsi tra le sue braccia. Per natura la verità è qualcosa che non appartiene all’essere umano ed è lei che decide, secondo i suoi tempi, quando e come manifestarsi. Il nostro unico dovere è cercarla.”

Dino Rubino nasce a Biancavilla, in provincia di Catania, il 20 ottobre 1980. A undici anni inizia a studiare il pianoforte presso il Conservatorio “V. Bellini” di Catania, ma, dopo appena tre anni, dopo aver visto suonare Tom Harrell, decide di abbandonarlo per intraprendere lo studio della tromba. Nel 1995 frequenta i seminari di Siena Jazz, ottenendo una borsa di studio per frequentare l’anno successivo. Nel 1998 vince il premio Massimo Urbani come miglior talento nazionale emergente. Riconoscimento che gli aprirà alcune importanti porte; nel 2000, infatti, viene chiamato da Furio Di Castri a far parte al progetto “Giovani artisti d’Europa” progetto che durerà un paio d’anni tenendo concerti Torino, Sarajevo, Israele, Stoccolma. Nel frattempo ricomincia a studiare il pianoforte, strumento che contemporaneamente alla tromba non abbandonerà più. Nel 2008 entra a far parte del gruppo di Francesco Cafiso, con cui suonerà per cinque anni, incidendo sei dischi. Nel 2009 si diploma in pianoforte e inizia la specialistica in jazz al Conservatorio A. Corelli di Messina, che concluderà all’inizio del 2012. Nel 2011 viene chiamato da Paolo Fresu per entrare a far parte della sua etichetta discografica "Tûk Music".

Nel luglio del 2014 è ospite per una residenza mensile dell'Istituto di Cultura Italiano di Parigi all'interno della rassegna "Les promesses de l'Art". Da quel momento inizia a collaborare con musicisti italiani che vivono da anni a Parigi tra i quali Aldo Romano e Riccardo Del Fra. Un’esperienza incisiva che ha portato Dino a trasferirsi a Parigi, dove vive in questo momento. Attualmente è attivo con il suo progetto in solo, “Roaming Heart”, e leader  di “On Air Trio”, formazione con Paolino Dalla Porta ed Enzo Zirilli, e dell’ottetto “Kair s” con Giuseppe Mirabella, Riccardo Fioravanti, Adam Nussbaum più un ensemble di quattro fiati. Ha registrato quattro dischi da leader: “ Mi sono innamorato di Te” per l’etichetta Giapponese “Venus”, “ Zenzi”   e “Kair s” per la Tûk Music di Paolo Fresu e il recentissimo piano solo registrato a Parigi  pubblicato a Maggio del 2015 coprodotto dalla “Tûk Music” e dall’etichetta francese “Bonsai Music”. Nel corso degli anni ha suonato in moltissimi Festival: Canarias Jazz, Umbria Jazz, Roma  Auditorium della musica, Londra Istituto Cultura, Santiago Jazz EU, Marciac Jazz Festival, Shangai Italian Expo, Portogallo Loulè Jazz Festival, MITO jazz Festival, Umbria Jazz Balkanic Windows, Skopje Jazz Festival, Città del Messico, Caracas, Colombia, Rochester, Kiev, Toronto, Jakarta, Parigi, Lima.

Vuoi la tua pubblicità qui?

 http://www.dinorubino.com/index.aspx   Casa del Jazz: viale di Porta Ardeatina, 55

Vuoi la tua pubblicità qui?

 

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento