Vuoi la tua pubblicità qui?
26 Settembre 2020

Pubblicato il

Il Covid è ‘na livella

De Laurentiis positivo, tra sottovalutazione e delirio di onnipotenza

di Mirko Ciminiello

Il presidente del Napoli va in assemblea di Lega Serie A con sintomi che attribuisce alle ostriche. Apprensione tra i colleghi presidenti, per Crisanti AdL è un irresponsabile

aurelio de laurentiis
Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis

È l’imprenditore Aurelio De Laurentiis l’ultima vittima illustre del Covid-19. Una positività che sta destando molto scalpore, soprattutto per l’atteggiamento del diretto interessato, a metà strada tra sottovalutazione del rischio e delirio di onnipotenza. Un comportamento già poco edificante in sé, che diventa del tutto censurabile nel momento in cui mette addirittura a repentaglio la salute altrui.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La positività di De Laurentiis

Qualche giorno fa ironizzavamo sul corona(virus) che dà alla testa alle teste pensanti, e a quanto pare De Laurentiis non fa eccezione. Mercoledì scorso, il presidente del Napoli era a Milano, all’hotel Hilton, per l’assemblea della Lega Serie A.

Aveva già i sintomi del SARS-CoV-2 ma, stando alle ricostruzioni, li ha attribuiti a un’indigestione di ostriche. Eppure, qualche dubbio doveva averlo avuto, visto che aveva fatto il tampone ed era in attesa del risultato.

Ciononostante, non indossava nemmeno la mascherina e, anche se durante l’incontro il distanziamento è stato rispettato, non si può dire lo stesso per le successive interviste. Con reporter e cameramen che si sono accalcati attorno al gotha del calcio italiano, incluso lo stesso AdL. Il quale solo a sera ha avuto l’esito del test, e si è finalmente deciso ad avvisare i suoi colleghi.

I numeri uno del football nostrano hanno naturalmente espresso al produttore cinematografico la propria solidarietà, ma anche preoccupazione e irritazione. Soprattutto la Roma, che era stata deferita proprio dopo che i partenopei ne avevano denunciato il presunto, mancato rispetto dei protocolli anti-Covid.

Il sentimento prevalente resta comunque l’apprensione, tanto che vari protagonisti del meeting hanno scelto di mettersi in auto-isolamento o sottoporsi al tampone. Tra gli altri, Paolo Dal Pino, presidente della Lega Serie A, che ha optato per la quarantena volontaria. Ma anche i dirigenti di società come Juventus, Inter e Milan hanno scelto la linea della prudenza. E non è tranquillo neppure il cardinal Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli, che aveva abbracciato De Laurentiis proprio di recente.

La Procura Federale ha preannunciato la possibile apertura di un’inchiesta se il contagio si dovesse diffondere. Intanto, però, gli Azzurri hanno disputato la prevista amichevole con il Pescara, a cui vanno i nostri auguri. E non per il risultato.

‘A livella

«Una persona che sta male dovrebbe rimanere a casa, specie in queste situazioni. Una persona come lui dovrebbe dare l’esempio, avendo una elevata visibilità». Non le ha mandate certo a dire, secondo il suo usuale stile senza peli sulla lingua, il virologo Andrea Crisanti, che ha bollato AdL come un «irresponsabile».

Più o meno lo stesso giudizio dei social, che però lo hanno per lo più condito con il consueto sarcasmo. Per esempio, paragonando i molluschi di Dela all’ormai celeberrima prostatite di Flavio Briatore.

+++ CONFERMATO, SONO STATE LE OSTRICHE +++#DeLaurentiis #COVID19 Pubblicato da Unfair Play su Giovedì 10 settembre 2020

Non è però mancato neppure chi ha stigmatizzato la condotta di De Laurentiis in quanto paradigmatica di quella di molti nostri connazionali. Il riferimento, neanche tanto velato, è alla recrudescenza delle infezioni attribuita soprattutto alle vacanze e alla movida.

E così si è tornati a parlare di noncuranza del pericolo, di arroganza, di quell’illusione di immortalità che caratterizzerebbe due categorie perennemente nel mirino (social)mediatico. I giovani, per ragioni meramente anagrafiche, e i Vip.

Tutto è possibile, naturalmente, ma quest’ultima prospettiva sarebbe davvero desolante. Non foss’altro perché ci si aspetterebbe che personaggi di una certa levatura ed esperienza siano coscienti che ricchezza e potere non danno l’immunità.

In effetti, la vera colpa di De Laurentiis non è nemmeno la protervia, bensì la mancanza di rispetto. Per il coronavirus anzitutto, ma ancora di più per quanti sono venuti in contatto con lui, ignari del pericolo a cui si stavano esponendo.

Un patogeno, infatti, non fa alcuna distinzione fra i suoi bersagli. Parafrasando un grandissimo napoletano come Totò, è una livella.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento