14 Giugno 2021

Pubblicato il

Danni alla Barcaccia, olandesi si offrono di restaurarla gratis

di Redazione

La società di restauro Koninklijke Woudenberg si offre per restaurare la Barcaccia gratuitamente

Non solo brutte notizie dall'Olanda in merito ai danneggiamenti avvenuti a Roma giovedì scorso ad opera dei tifosi del Feyenoord: la società di restauro Koninklijke Woudenberg, infatti, si è offerta di restaurare gratuitamente la Barcaccia del Bernini. In passato la società olandese ha già curato importanti interventi di restauro, come nel caso del Rijksmuseum di Amsterdam e del Mauritshuis dell'Aja.

Hans Smith, amministratore delegato della società Janseen de Jong, ha scritto all'ambasciatore italiano all'Aja, Francesco Azzarello, esprimendogli la vicinanza della società e chiedendo di inoltrare al sindaco di Roma, Ignazio Marino, la richiesta di intervento.

Un gesto positivo, specialmente se si considerano le non lineari posizioni assunte dalle istituzioni olandesi: istituzioni che, nonostante i messaggi di solidarietà, nulla di concreto hanno ancora messo in campo per rimediare agli avvenimenti di giovedì scorso. 

Anche il rifiuto iniziale di giocare una partita amichevole tra Italia ed Olanda, con lo scopo di riappacificare gli animi e di destinare i proventi alle riparazioni, ha dell'incredibile. Tuttavia, in merito, l'ambasciatore d'Olanda ha fatto sapere che farà pressioni sulla Federcalcio olandese al fine di ottenere il consenso della KNVB per l'amichevole.

Fortunatamente dei segnali positivi sono arrivati dai cittadini olandesi, volenterosi di mitigare l'onta causata dalla barbarie di alcuni dei loro compatrioti. Espressioni di solidarietà giunte attraverso lettere e iniziative di crowfunding per ottenere soldi da donare a Roma Capitale. E la proposta della società di restauro Koninklijke Woudenberg ne rappresenta, appunto, uno dei più efficaci.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento