20 Settembre 2021

Pubblicato il

Da Rom-A-moR, il Festival delle buone soluzioni

di Redazione
Un percorso interiore attraverso, informazioni intellettuali, scientifiche, simboliche, fisiche, artistiche, spirituali

Si è svolto ROM-A-MOR, il festival delle buone soluzioni, a Palazzo Ferrajoli. Pace e Amore sono parole che non passano mai di moda. Sono state espresse più volte dai partecipanti alla manifestazione Rom-A-moR, ideata daIsabella Pilenga, presidente dell’Associazione Faciviltà, docente dell’Università Popolare delle Scienze Olistiche di Roma e Master Reiki e counselor olistico, nonché curatrice de “Il Libro Felice” edito da Res Studio Ricerche.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Una manifestazione dedicata al risveglio delle coscienze e alla percezione delle spirito, che si è tenuta a Roma nelle giornate di sabato 7 e domenica 8 marzo dalle 10.00 alle 19.00 presso i saloni dei ricevimenti di Palazzo Ferrajoli, in piazza Colonna 355.

Un “percorso interiore”, secondo Pilenga, attraverso “informazioni intellettuali, scientifiche, simboliche, fisiche, emozionali, artistiche, vibrazionali, spirituali, relazionali. Un itinerario in cui si susseguono aree dedicate a temi ispirati alla mappa dei sette chakra: mercato, lavori sul corpo, sulle emozioni, tavole rotonde su: pedagogia evolutiva, nuova civiltà, tecnologie del futuro, dialogo interreligioso, espressione creativa volta alla ricerca della propria unicità, conferenze, meditazione profonda e un originale spazio dedicato, esclusivamente, al silenzio”.

Il programma della manifestazione – pubblicato sul sito dell’Associazione Faciviltà (www.facivilta.it) è stato ricco e denso di incontri dedicati alle grandi scoperte, alle risposte a tante domande a cui dare la corretta soluzione; una carrellata di autentiche risposte con dimostrazioni scientifiche ed esperienziali: “Liberalizziamo l'amorevolezza”.

Guarda le foto.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo