24 Ottobre 2021

Pubblicato il

Verso la normalità

Da oggi cinema e teatri pieni al 100%, Governo pensa a stretta sui cortei

di Redazione
Riaprono i cinema e i teatri con capienza al 100%, discoteche al 50% ma Resta in vigore l’obbligo di mascherina e certificato verde
Cinema

Da oggi nuove capienze per cinema e teatri che tornano a riempirsi al 100 per cento con l’entrata in vigore delle nuove misure anti-Covid decise dal Consiglio dei ministri. Con l’aumento della capienza viene meno l’obbligo di mantenere la distanza interpersonale di almeno un metro. Resta in vigore l’obbligo di mascherina e certificato verde. Riaprono anche le discoteche, dove l’asticella è fissata al 50 per cento al chiuso e al 75 per cento all’aperto. Per stadi e palazzetti il limite è fissato al 75 per cento all’aperto e al 60 per cento al chiuso in zona bianca.

In zona gialla, cosa cambia

In zona gialla, gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo e in altri locali o spazi anche all’aperto, sono svolti esclusivamente con posti a sedere preassegnati e a condizione che sia assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro, sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi, sia per il personale, e l’accesso è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di una delle certificazioni verdi Covid-19. Sempre in zona gialla la capienza consentita non può essere superiore al 50 per cento di quella massima autorizzata.

Ipotesi stretta sulle manifestazioni e proteste

Intanto il governo starebbe pensando ad una stretta per impedire che manifestazioni, come quella che si è svolta sabato scorsa a Roma dei “No green pass”, possano sfociare in nuovi episodi di violenza. Come riporta “Il Corriere della Sera” il governo vorrebbe limitare al massimo i cortei rilasciando le autorizzazioni soltanto con reali garanzie di rispetto delle regole da parte degli organizzatori. In caso contrario la manifestazione dovrà essere vietata.

Inoltre si dovrà valutare l’adeguatezza del luogo richiesto, la presenza di possibili via di fuga in caso di scontri e dovranno essere presidiate le vie limitrofe per evitare che la protesta possa estendersi altrove.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo