Vuoi la tua pubblicità qui?
11 Agosto 2022

Pubblicato il

Covid, Zuccotti: “Salgono i contagi tra i giovanissimi ma temo di più i disturbi psichici”

di Lorenzo Villanetti
"C’è un grande mondo di fragilità sommerso" commenta il direttore di Pediatria e Pronto soccorso pediatrico dell'Ospedale Buzzi di Milano
Gian Vincenzo Zuccotti (dal sito dell'Ospedale Buzzi)
Gian Vincenzo Zuccotti (dal sito dell'Ospedale Buzzi)

Anche tra i giovanissimi si sta assistendo a una risalita dei contagi da Covid19. Secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità del primo dicembre, i casi di positività al virus nelle persone da 0 e 19 anni, nelle ultime due settimane di novembre, sono stati 40.529; 161 invece i ricoveri in ospedale o in terapia intensiva. Sul tema, intervistato dal Corriere della Sera, è intervenuto Gian Vincenzo Zuccotti, preside della facoltà di Medicina all’Università Statale e direttore di Pediatria e Pronto soccorso pediatrico dell’Ospedale Buzzi di Milano.

Bambini ricoverati

“Nel mese di novembre – dichiara Zuccotti – abbiamo avuto 4 mila accessi al pronto soccorso, che al Buzzi è esclusivamente pediatrico. Fortunatamente i bambini ricoverati per Covid-19 si contano sulle dita di una mano non da novembre, ma da settembre a oggi. Del resto, l’infezione del Covid in età pediatrica non ha mai messo in difficoltà né le pediatrie né tantomeno le terapie intensive pediatriche fin dal suo inizio: questo è un dato consolidato. Inoltre, casi di complicanze come le sindromi infiammatorie multisistemiche al Buzzi ne abbiamo osservati durante la prima e la seconda ondata, meno nella terza e in quest’ultima ondata quasi nessuno. Però le cose possono cambiare repentinamente, l’attenzione va tenuta alta“.

Varianti

“Quello che si registra – prosegue – è un aumento dei casi positivi nei tamponi. Del resto, nelle scorse ondate la vita di comunità dei bambini era ridotta, ora per fortuna è ripresa. Ma in ospedale non sto osservando nulla di particolare e come me i colleghi degli altri ospedali pediatrici lombardi, con cui sono in contatto quotidianamente”.

Vaccini per i bambini

“Io penso che sia importante avere a disposizione un vaccino, ma credo che si debba guardare la realtà epidemiologica. I bambini fragili e le loro famiglie devono essere vaccinati, per gli altri credo si possa attendere un poco e nel frattempo fare le terze dosi e vaccinare tutti gli adulti non ancora protetti: sarebbe un approccio di buon senso”.

“Veri danni provocati dalla mancata socializzazione e dal lockdown”

“Io mi auguro che si faccia sempre il massimo per tenere aperte le scuole, perché si sente parlare tanto di long Covid in età pediatrica, ma i veri danni nei bambini che vediamo al momento sono quelli provocati dalla mancata socializzazione e dal lockdown. Si osserva in tutte le fasce d’età un aumento dei disturbi psichici: anoressia, bulimia, autolesionismo. C’è un grande mondo di fragilità sommerso e queste chiusure alternate a rientri, per chi già vive
la scuola con un certo stress, sono molto destabilizzanti” conclude.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo