21 Giugno 2021

Pubblicato il

Covid-19, qualche motivo di speranza, malgrado chi scrive “C’è la faremo”

di Mirko Ciminiello

In attesa del prossimo Decreto, il Premier Conte chiude finalmente i confini. E l’ennesimo cambiamento del modulo di autocertificazione scatena l’ironia del web

proroga stato emergenza
Giuseppe Conte, stato di emergenza (immagine d'archivio)

Test per l’esame di giornalismo. Il candidato consideri, a proposito dell’emergenza coronavirus, che:

a) Con il suo ultimo Decreto, il bi-Premier Giuseppe Conte ha decretato la chiusura dei confini nazionali. Ecco perché il presidente dell’Inps Pasquale Tridico ha dichiarato che l’ente non avrà problemi di liquidità fino a maggio: con il blocco dei remunerativissimi traffici delle Ong, come faranno i clandestini a pagare le pensioni agli Italiani?

b) Il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli è negativo. Fortunatamente, il riferimento è al suo tampone, e non al quotidiano bollettino sull’andamento dell’epidemia.

c) Il capo della Polizia Franco Gabrielli ha annunciato la nuova versione del modulo di autocertificazione per poter uscire di casa. I venditori di inchiostro per stampanti ringraziano sentitamente.

d) Il Cio (il Comitato Olimpico Internazionale) ha rinviato le Olimpiadi. Non era riuscito a convincere il virus a sospendere il contagio per la durata dei Giochi.

e) Si sono rincorse voci (poi smentite) secondo cui il Principe Filippo di Edimburgo era passato a miglior vita, mentre è certo che suo figlio Carlo d’Inghilterra, l’erede al trono, sia stato contagiato dal Covid-19. «E anche io non mi sento molto bene».

Ciò posto, il candidato commenti l’ottimismo di quanti, nonostante tutto, restano convinti che ce la faremo anche se scrivono "C’è la faremo".

Emergenza Covid-19 fino al 31 luglio? Conte smentisce, ma occhio…

#Iorestoacasa del Jazz, Stefano Battista live e altri grandi nomi sui social

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento