04 Marzo 2021

Pubblicato il

Covid-19, il sindaco di Cerveteri: “Il Governo ci dica chi è in quarantena”

di Mirko Ciminiello

Pascucci scrive a Conte: “Inaccettabile non sapere chi è positivo. Chi entra nelle case rischia, se si ammalasse un poliziotto saremmo paralizzati”

Un accorato appello «al coinvolgimento attivo dei Sindaci che, in questa fase, possono contribuire attivamente nei loro territori all’attuazione delle disposizioni, nonché al monitoraggio e al supporto delle persone contagiate e in quarantena». Lo ha lanciato, lo scorso 20 marzo, il sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci in una lunga lettera indirizzata al bi-Premier Giuseppe Conte, che aveva per oggetto l’emergenza coronavirus.

Una missiva in cui il primo cittadino della città laziale ha denunciato le gravi difficoltà che i Comuni stanno incontrando nella gestione della crisi da Covid-19. A partire dal numero di agenti di Polizia: a Cerveteri ve ne sono 18, insufficienti a coprire un territorio di oltre 134 km2.

«Immagini cosa accadrebbe qualora uno di loro dovesse contrarre il virus: i nostri Comandi si paralizzerebbero all’istante» è stato il monito di Pascucci al Presidente del Consiglio. E la cosa ancora più grave è che si tratta di un rischio fin troppo concreto.

«A molti Sindaci» ha denunciato Pascucci, «non vengono fornite le generalità e neanche gli indirizzi delle persone che contraggono il virus Covid-19 o che vengono messe in quarantena preventiva. E questo nonostante il nostro ordinamento individui nel Sindaco l’autorità sanitaria locale. È una cosa inaudita. Così come è inaccettabile che, come i Sindaci, non ne abbiano contezza gli agenti delle Forze dell’Ordine che si trovano sui nostri territori».

Che si tratti o meno di una questione di privacy è irrilevante, visto che in gioco c’è la sicurezza. Come ha spiegato il primo cittadino di Cerveteri, se un soggetto contagiato decidesse inopinatamente di infrangere l’isolamento, nessuno sarebbe in grado di verificare la violazione, che metterebbe a repentaglio la salute pubblica.

E suona come una beffa, ha aggiunto Pascucci, il fatto che una propaggine dello stesso Stato quale l’Istituto Superiore di Sanità abbia raccomandato «di adottare misure differenti nei confronti delle persone in quarantena o positive al Covid-19, quali ad esempio una diversa modalità nella raccolta dei rifiuti».

Un’esortazione che, intendiamoci, è assolutamente di buon senso, e non solo in riferimento «agli operatori della raccolta differenziata che devono ritirare quotidianamente i mastelli», ma in generale a tutti coloro che ogni giorno entrano in contatto con chi si trova all’interno delle abitazioni: dal personale medico e paramedico ai volontari della Protezione Civile che consegnano generi alimentari a domicilio, dai postini ai dipendenti della locale municipalizzata che portano i farmaci a chi ne ha bisogno.

«Non è accettabile esporre queste persone a un rischio» è stato il grido d’allarme di Pascucci. «Rischio che sarebbe del tutto evitabile se si conoscessero i dati dei contagiati e delle persone in quarantena».

Per questo, nella consapevolezza dell’incredibile sforzo profuso a ogni livello istituzionale, il sindaco di Cerveteri ha invocato un rapido intervento che consenta agli amministratori locali di continuare a essere in prima linea, al servizio della Nazione e delle comunità di cui rappresentano il primo – e spesso unico – punto di riferimento.

«Sono certo che tutti insieme ce la faremo» ha concluso Pascucci, augurando buon lavoro al Capo del Governo. Insieme, appunto.

Leggi anche:

Coronavirus, il modulo per l'autocertificazione cambia ancora, scaricalo qui

Coronavirus, Sindacato USB: mercoledì sciopero generale, occorre chiudere tutto

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento