Vuoi la tua pubblicità qui?
25 Settembre 2020

Pubblicato il

Due positivi a Fiumicino

Covid-19, due nuovi positivi all’Aeroporto di Fiumicino, provenienti da Ibiza

di

Due nuovi positivi Covid-19 all'Aeroporto di Fiumicino, un uomo di Civitanova Marche e una donna di Milano, entrambi provenienti da Ibiza

due positivi a fiumicino
controlli covid-19

Continuano con grande impegno, costanza e senza sosta i controlli attenti sui viaggiatori di rientro all’Aeroporto di Fiumicino “Leonardo Da Vinci”. “Sono stati individuati presso l’Aeroporto di Fiumicino due nuovi casi ai test rapidi antigenici. Si tratta di un uomo di Civitanova Marche e di una donna di Milano, entrambi di rientro da Ibiza. Sono entrambi asintomatici, subito posti in isolamento ed è stato avviato il contact tracing internazionale”. Queste le parole dell’Unità di Crisi Covid-19 della Regione Lazio. Malgrado i controlli rendano le operazioni più lunghe e impegnative per i viaggiatori, non ci sono dimostrazioni di insofferenza, al contrario i viaggiatori apprezzano particolarmente questo comportamento scrupoloso applicato per combattere la diffusione dei contagi nel Lazio. La maggior parte dei casi proviene da viaggiatori di ritorno dall’Italia, nello specifico dalla Sardegna, ventitré casi. Altri casi da passeggeri provenienti dall’estero: sei dalla Spagna, due da Malta, uno dalla Croazia, Albania, Romania, Filippine, Costa D’Avorio, Kazakistan ed Ecuador. Proseguono anche i tamponi ai clochard con la collaborazione della Caritas.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Al via nelle scuole la lotta contro la diffusione del virus

Giovedì sono partiti anche i test di sieroprevalenza dedicati agli operatori scolastici e non, e agli studenti con disabilità. Saranno coinvolti istituti di ogni grado: nidi comunali e privati, materne paritarie, scuole medie e superiori, private e statali della Asl Roma 5. I docenti e non degli istituti scolastici saranno contattati per ricevere comunicazione del giorno, su base volontaria, in cui saranno sottoposti al test sierologico presso il proprio istituto. Già il numero di aderenti è molto ampio. Mentre ai genitori degli studenti con disabilità, le scuole forniranno un numero della regione per la prenotazione dei test che poi sarà effettuato presso il distretto sanitario di competenza.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento