07 Maggio 2021

Pubblicato il

A Roma con la Tares l’unica cosa che si paga è un servizio inefficiente

di Redazione

E' stato realizzato un video amatoriale che denuncia i disservizi della Capitale

Via delle Driadi, quartiere di Tor Bella Monaca, traversa di via Torrenova: rifiuti in strada. 
Un altro caso, che si aggiunge agli innumerevoli, da noi già documentati (la discarica a cielo aperto di via Mario Agenio, nel Municipio VIII; la discarica di via Pietro Cuppari, nel Municipio IX; le discariche a cielo aperto nel Municipio XI, tra cui via Lanfranco Maroi e via Toyoda; il degrado nel Municipio XII), e che pesa sui cittadini, sempre più esasperati a causa di un inefficiente servizio AMA.

E’ un continuo proliferare di discariche abusive, dove si possono trovare calcinacci, divani, lastre di eternit, pneumatici e rifiuti di qualsiasi genere. “Soprattutto in periferia – dichiara il Comitato DifendiAmo Roma – continua lo scandalo di un servizio inesistente a fronte del pagamento di una Tares che anche i cittadini della periferia pagano come tutti gli altri. Ci appelliamo al sindaco Marino affinché si appresti a un servizio repentino di pulizia e bonifica e, allo stesso tempo, affinché vengano attivate tutte le necessarie procedure per scoraggiare questo genere di fenomeni. Anche con l’utilizzo di telecamere nei luoghi più sensibili”.

A questo proposito, alcuni cittadini di Muratella hanno realizzato un video amatoriale “che però vuole farsi portavoce di tutti i romani che oggi protestano sulle prestazioni di Roma Capitale in merito ai servizi offerti a fronte del pagamento della Tares” – ha dichiarato il consigliere regionale Fabrizio Santori, dopo aver visionato il video, realizzato quasi un mese fa. Da allora, a oggi, come abbiamo avuto modo di documentare con i nostri ‘Tour del Degrado’, la situazione non è cambiata.

“Il video – continua Santori – ripercorre con attenzione l’opuscolo che i romani hanno trovato insieme ai bollettini di pagamento. Non solo l’Ama invita a pagare la tassa rifiuti per i servizi di igiene urbana, raccolta differenziata, raccolta e smaltimento rifiuti (su cui ci sarebbe da stendere un velo pietoso), ma la vera presa per i fondelli riguarda la descrizione della Tares nel punto inerente il tributo per i servizi indivisibili resi dai comuni, come l’istruzione pubblica, la manutenzione del verde e delle strade, l’illuminazione pubblica. L’istruzione pubblica è al minimo storico. La manutenzione del verde non viene più garantita, basta farsi un giro nei parchi, per le aree verdi della Capitale o vedere l’inesistente potatura delle alberature. La manutenzione delle strade è davvero una chimera, da sempre. La città è piena di voragini, i marciapiedi abbandonati, le strade non rispettano i minimi standard di sicurezza. Ma sull’illuminazione si raggiunge il colmo. Da mesi intere strade sono al buio. Ecco, l’esempio Muratella, periferia romana, rappresenta tutto questo e il video tutta l’indignazione dei cittadini residenti”.

Il video, quindi, si prefigge lo scopo di rappresentare “un’iniziativa partecipata – come l’ha definita lo stesso Santori – che nasce con le proteste dei cittadini di diversi quartieri della città i quali, a malincuore e con sdegno, hanno voluto denunciare l’inadempienza dell’amministrazione a fronte del pagamento di una tassa-tributo che garantisce servizi inefficienti, carenti se non addirittura inesistenti”.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento