Vuoi la tua pubblicità qui?
24 Settembre 2020

Pubblicato il

“Che il presidente Mattarella parli alla nazione. Avanti Italia, noi ci siamo!”

di Redazione

Sul Web sta circolando un post che rappresenta un'esortazione a non lasciarsi abbattere dallo sconforto. Leggi e condividi...

C'è paura, sospetto e smarrimento tra gli italiani, nel primo giorno in cui le scuole di ogni ordine e grado sono state “Chiuse per virus”. Questa mattina per strada, capitava di vedere scene deliziosamente insolite, graziosamente impressionanti: bimbi che durante l'orario di scuola erano con i nonni al parco a fare bolle di sapone o a spasso con i loro cani e le baby-sitter. Un'atmosfera allegra e al contempo inquietante.

E proprio nelle stesse ore, sul Web, circolava, e sta circolando, un post che rappresenta un'esortazione a non lasciarsi abbattere dallo sconforto, un invito a rimboccarci le maniche, con fierezza e buona volontà. Il messaggio contenuto nel post è quello di non incupirci nel vittimismo ed evitare al contempo la polemica sterile, piuttosto far diventare virale il “made in Italy”, puntare sulle nostre eccellenze enogastronomiche, storiche e paesaggistiche, preferendo prodotti fatti nel nostro paese. Eccolo:

“Buongiorno Italia, gli americani fino a metà aprile hanno cancellato i voli per Milano!

Bene, adesso ci vorrebbe un discorso alla nazione da parte del presidente della Repubblica, a reti unificate come fa ad ogni inizio anno, che ci supporti e faccia sentire la sua voce.

Che inciti gli italiani a rimboccarsi le maniche, a comprare italiano, a mostrare a tutto il mondo chi siamo.

Cominciate a disdire i vostri viaggi all'estero e riempite i nostri alberghi, vestiamoci con le nostre eccellenze, mangiamo il pecorino sardo, il parmigiano e le arance siciliane.

Compriamo il nostro pesce, beviamo il nostro vino, aiutiamoci l'un l'altro e non facciamo post disfattisti.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Ci incazzeremo dopo.

Gli italiani sono una forza, cominciamo ad amare questa nazione!”

Condividiamo!

 

Leggi anche:

Salute, ecco come il coronavirus sta cambiando le nostre abitudini

Ostia, Raggi: addio al lungomuro, riconsegnamo 18 km di spiagge ai cittadini

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento