Vuoi la tua pubblicità qui?
18 Agosto 2022

Pubblicato il

Consigli utili

Casa senza condizionatore, ecco i modi per sconfiggere il caldo

di Simone Fabi
Come affrontare la nuova tornata di afa senza utilizzare condizionatori o ventilatori. Ecco qualche consiglio utile per farlo
Un uomo che rinfresca la propria abitazione

I giorni di tregua dal caldo stanno per terminare. A partire da metà luglio l’afa tornerà a farsi sentire e si pensa già a come affrontarla.
Nonostante sia d’uso comune, non tutti possono usufruire di un condizionatore, soprattutto i più anziani. Come fare dunque per contrastare il caldo in arrivo?  Ecco qualche suggerimento.

Un ventilatore

Aprire le finestre

E’ importante lasciare aperte le finestre durante la notte, facendo così circolare l’aria più fresca. E’ assolutamente sconsigliato farlo durante il giorno, poichè comporterebbe l’entrata del 25% di calore. Assicurarsi di tener chiuse le imposte quindi, con tende o persiane nelle ore più calde della giornata.

Utilizzare materiali isolanti

Una pratica che abbassa i costi energetici mantenendo il calore all’esterno e l’aria fresca all’interno. Ecco perché utilizzare materiali isolanti per vie di aerazione è un ottimo rimedio sia per l’estate, ma anche e soprattutto in vista del prossimo inverno.

Utilizzare elettrodomestici di notte

Molti sottovalutano questo consiglio, ma gli effetti di questa pratica sono riscontrabili istantaneamente. Lavastoviglie, lavatrici e asciugatrici meglio la sera, per compensare la produzione di calore. E si badi bene, un grande frigorifero rinfresca un numero maggiore di roba al suo interno, ma produce sicuramente più calore rispetto ad un modello più piccolo.

Spruzzare acqua su tende

Acqua fredda spruzzata sulle tende aiuta molto. Questo perché l’aria attraversando un ambiente umido tende a raffreddarsi. Molto utile anche l’edera rampicante, che cresce rapidamente e fornisce ombra.

Illuminazione

Per l’illuminazione sempre meglio lampadine a led, evitando quelle a incandescenza. Una soluzione certamente più economica, ma soprattutto ristoratrice. Oltre che, non guasta, sostenibile.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo