Vuoi la tua pubblicità qui?
22 Ottobre 2020

Pubblicato il

Capodanno con “L’Orchestraccia” al 2.0 Duepuntozero di Pomezia

di Redazione

L’Orchestraccia nasce dall'idea e dalla voglia di attori e cantanti di unire esperienze e confrontarle cercando una forma innovativa di spettacolo

Giovedi 31 un Capodanno con L'Orchestraccia al 2.0 Duepuntozero di Pomezia il più grande locale di Roma sud.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Per un Capodanno spumeggiante, serata in musica con Gran Buffet, ben 25 piatti preparati dagli chef del 2.0 DUEPUNTOZERO per deliziare i palati di tutti i gusti. Ospiti della serata Dj Mattia Tommasi e il gruppo itinerante folk-rock romano LOrchestraccia. Durante la notte di capodanno saranno presenti a brindare con il loro pubblico Marco Conidi (cantautore, attore),Edoardo Pesce (attore), Luca Angeletti (attore e sceneggiatore), Giorgio Caputo (attore, regista, sceneggiatore),Gianfranco MautoDaniele NatrellaMatteo Pezzolet Salvatore Romano.

L’Orchestraccia nasce dall'idea e dalla voglia di attori e cantanti di unire esperienze e confrontarle cercando una forma innovativa di spettacolo, che comprenda musica e teatro in una lettura assolutamente attuale. Partendo dal folk degli autori romani tra Ottocento e Novecento – tutte quelle canzoni e poesie che sono patrimonio della cultura italiana e perle della tradizione romana. Dimostrando la loro attualità e la loro freschezza grazie ai nuovi arrangiamenti, canzoni come “Alla renella” o “Nina si voi dormite” sembrano scritte oggi, così come le poesie di Belli e di Pascarella. Accanto a loro, si aggiungono poi anche gli inediti, che ben si sposano alle storie di ragazzi che oggi non riescono a trovare una casa o un lavoro. O entrambe le cose.

Questo gruppo itinerante folk-rock romano, si compone in modo creativo e disordinato di attori, bloggers, cantautori, musicisti, performers.

Vuoi la tua pubblicità qui?

 2.0 DUEPUNTOZERO  Via Castelli Romani 52, 00071 POMEZIA – ROMA

 

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento