Vuoi la tua pubblicità qui?
26 Settembre 2020

Pubblicato il

“Caos graduatorie supplenze”, i sindacati scrivono alla ministra della Scuola Azzolino

di Redazione

"Sarebbe dovuta essere una rivoluzione destinata a migliorare il meccanismo delle nomine dei supplenti, e invece si è rivelato un brutto pasticciaccio"

caos graduatorie supplenze
Scuola

Sul caos venuti a creare sulle graduatorie per le supplenze le segreterie nazionali di FLC CGIL, CISL Scuola, UIL Scuola, SNALS Confsal e GILDA Unams hanno inviato un telegramma alla ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina.

Vuoi la tua pubblicità qui?

“A seguito della avvenuta pubblicazione gps e del riscontro di evidenti errori nei punteggi, per consentire alle scuole la possibilità di copertura di tutti i posti sin dal primo giorno di scuola, è fondamentale non adottare alcun provvedimento sulla base delle nuove gps e a considerare tuttora vigenti le attuali graduatorie di istituto, fornendo Immediate indicazioni agli UU.SS.RR.,al fine di garantire un regolare avvio dell’anno scolastico”, il testo.

Caos graduatorie supplenze, emerse molte criticità

“Sarebbe dovuta essere una rivoluzione copernicana destinata a migliorare di gran lunga il meccanismo delle nomine dei supplenti e, invece, si è rivelato un pasticciaccio brutto che sarà foriero di innumerevoli ricorsi”, dice Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti.

Tante le criticità emerse con la nuova procedura introdotta quest’anno, tra cui l’affidamento della validazione delle istanze alle scuole polo “le cui segreterie – afferma Di Meglio – si sono ritrovate con migliaia e migliaia di domande da esaminare, una mole di lavoro umanamente impossibile da smaltire entro i tempi troppo ristretti imposti da viale Trastevere”.

“Proprio per non rischiare di sforare i tempi, il Ministero dell’Istruzione non ha previsto la pubblicazione delle graduatorie provvisorie, negando così la possibilità di rettificare e integrare le domande.

Un passaggio – prosegue il coordinatore nazionale della Gilda – che invece sarebbe stato fondamentale proprio quest’anno per l’avvio del nuovo sistema informatizzato.

Le domande presentate contengono numerosi errori

Il risultato è che le istanze presentate contengono numerosi errori, molti dei quali commessi a causa dell’impostazione sbagliata assegnata in origine dal Ministero alle domande, e ciò farà proliferare i contenziosi”.

A complicare ulteriormente l’inizio dell’anno scolastico, anche la questione dei lavoratori fragili “sulla cui definizione si attendono ancora lumi dai ministeri del Lavoro e della Salute. E intanto le scuole hanno riaperto tra corsi per il recupero degli apprendimenti e collegi dei docenti”, conclude Di Meglio. (Adnkronos)

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento