30 Luglio 2021

Pubblicato il

Roma. Campi rom, blitz in Municipio VII: “No alla Barbuta”

di Redazione

Gioventù Nazionale Appio contro il progetto presentato da Leroy Merlin. La richiesta: "sgombero immediato del campo"

Un blitz che porta la firma del nucleo Appio di Gioventù Nazionale, il movimento giovanile di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale. Uno striscione, con la scritta ‘No alla Barbuta, prima i Romani’, apposto all’entrata del Municipio VII, contro il progetto da 10 milioni di euro presentato da Leroy Merlin al Comune di Roma, “che prevede l’abbattimento del campo rom La Barbuta e l’edificazione di un nuovo campo a pochi passi dal precedente in cambio della concessione gratuita per 99 anni di un terreno (quello del campo La Barbuta di 27mila mq) per costruire il nuovo megastore” – spiegano i ragazzi di Gioventù Nazionale.

Secondo gli autori del blitz, “questa operazione dimostra come l’amministrazione Comunale e Municipale, guidate dal PD e dal sindaco Ignazio Marino non siano più interessate a difendere i diritti dei cittadini Romani, ma solo a svendere parte del nostro territorio facendo investire soldi a favore di chiunque non sia Italiano”. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

Oltretutto, secondo Gioventù Nazionale, quando si parla di campo della Barbuta, si parla di un “progetto fallimentare dal 1995”. E lo dimostrerebbero “i milioni di euro spesi dalle passate amministrazioni capitoline che non hanno portato altro che degrado e abbandono, lasciando i cittadini Romani residenti nella vicinanze del campo in balìa di fumi tossici, rovistaggio e uno scarso livello di sicurezza per oltre 19 anni”. 

E allora, non la costruzione di un nuovo campo, ma “lo sgombero immediato del campo della Barbuta”: questo chiedono i militanti di Gioventù Nazionale autori del blitz in Municipio VII. E proprio agli esponenti municipali, compresa la presidente Susi Fantino, si chiede l’impegno di destinare “l’intera somma esclusivamente a favore dei cittadini residenti nei pressi del campo della Barbuta, con un progetto di riqualificazione di una periferia che si è vista tramutata in una discarica a cielo aperto abusiva, con una vera e propria emergenza diossina data dai roghi tossici e i fumi che inspiegabilmente vengono accesi nella notte per smaltire rifiuti in modo illecito”. 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento