21 Settembre 2021

Pubblicato il

Botti di Capodanno: danni ad animali e persone e i Comuni che li hanno vietati

di Redazione
Nel Lazio Guidonia e Tivoli vietano i botti; a Marino e Albano restrizioni per il 31 dicembre e giorni successivi

Ogni anno, in occasione dei festeggiamenti di San Silvestro abbiamo a che fare con la lista degli animali scappati o deceduti, e delle persone ferite o anche mutilate. Infatti il Dipartimento di Pubblica Sicurezza riferisce che nel Capodanno 2017/2018 si sono registrati 212 feriti con un aumento del numero dei minori che si attesta a 50. 

Si allunga però anche la lista del buon senso, cioè di quei Comuni che hanno deciso di vietare i botti di Capodanno. Venezia, Vicenza, Salerno e Cagliari si aggiungono a Bologna, Milano, Torino e Palermo. Una scelta che risparmierà brutti momenti e spesso anche la vita agli animali domestici ma anche a quelli selvatici che vivono nelle nostre città e campagne, per primi gli uccelli che vengono disorientati dai botti e possono anche schiantarsi al suolo o scontrarsi tra loro, oppure impattare fatalmente contro vetrate e palazzi. I botti causano negli animali stress, terrore, fino al panico e nei casi pià gravi l'arresto cardiaco.

I cani tendono invece a scappare e correre via in fuga dal rumore assordante, talvolta finendo investiti dalle automobili, mentre i gatti cercano un rifugio e possono ferirsi nel tentativo di nascondersi tra rovi o in spazi angusti. Questo perché mentre la percezione uditiva umana è compresa tra le frequenze denominate infrasuoni, intorno ai 15 hertz, e quelle denominate ultrasuoni, sopra i 15.000 hertz, quella dei cani arriva a circa 60.000 hertz e la percezione uditiva dei gatti raggiunge i 70.000 hertz, li rende cioè molto più sensibili a captare quei suoni fragorosi e destabillizzanti. 

 

Qualche consiglio per dare sollievo ai nostri animali

La prima regola è quella di non lasciarli all'aperto e, meglio ancora, stare con loro. Nel caso di cani anziani, particolarmente paurosi e cardiopatici è consigliato di parlare con il veterinario prima della notte di Capodanno. Altra regola è assicurarsi che abbiano microchip o medaglietta per facilitare le ricerche in caso di smarrimento. Inutile alzare il volume del televisore, piuttosto distrarre l'animale giocando con lui e lasciare aperte le porte e rendere accesibile la cuccia. Non consolare il cane perché questo può farlo intimorire maggiormente. 

 

Regioni e Comuni del divieto

Emilia Romagna e Campania sono le regioni che hanno il maggior numero di Comuni che hanno detto di no a questi rumori molesti e pericolosi, mentre nel Lazio hanno vietato i botti solo Guidonia e Tivoli. Marino li vieta dalle ore 01:00 fino alle 24.00 del 2 gennaio; Il sindaco di Albano Laziale ha firmato un'ordinanza contro l’utilizzo di petardi, botti e spray urticanti di tipo OC (comunemente al peperoncino) a Capodanno, anch'essi pericolosi soprattutto in luoghi affollati. 

Ci si domanda, come mai non si cerchi di formulare una legge nazionale o almeno regionale per ridurre e contenere questi comportamenti che causano danni alla natura e alle persone. Insomma, un accordo che renda meno lento e farraginoso prendere ogni anno dei provvediementi diversi per ogni comune. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

Ricordiamo che sono disponibili sul web le informazioni che riguardano gli hotel, agriturismi e B&B "no botti", anche sul sito "Dogwelcome". 

 

Leggi anche: 

Governo, il Premier Conte e la conferenza di fine (d)anno

Capodanno, via al countdown. Tutte le notizie utili per la Festa di Roma 2020

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo