21 Aprile 2021

Pubblicato il

Allarme

Basta aborti eugenetici in Polonia, le donne scendono in piazza

di Gaia Messina

Nella capitale Varsavia e nelle altre grandi città della Polonia sciopero delle donne e cortei in massa contro gli aborti eugenetici

Polonia aborti
Polonia proteste aborti

L’interruzione della gravidanza è una pratica utilizzata da diverse società fin dall’antichità.

Esistono tre tipi di aborto: volontario, involontario ed eugenetico. Non occorre indagare il significato dei primi due ma viene lecito chiedersi cosa sia l’aborto eugenetico. L’aborto eugenetico tende a “migliorare la razza”, eliminando eventuali problemi o “imperfezioni” del nascituro. In Italia il bambino “sano” viene protetto dopo 12 settimane di vita, il bambino malato dopo 24.

Ma cosa succede in Polonia?

L’articolo 4 della legge polacca del 7 gennaio del 1993 rende lecito l’aborto solo nei seguenti casi:

1) la gravidanza è una minaccia per la salute o la vita della donna incinta;

2) i test prenatali indicano alta probabilità di grave danno al feto o la presenza di una malattia incurabile.;

3) vi è la quasi certezza che la gravidanza derivi da un atto illecito (violenza sessuale).

Il secondo punto, dunque, legittima l’aborto terapeutico però, di recente, ci sono state diverse polemiche e critiche a questo articolo in quanto sembrerebbe violare la Costituzione. Infatti, l’articolo 38 dichiara che «La Repubblica di Polonia offre a tutti la protezione legale della vita», senza distinzione tra soggetti sani e malati. Per questo motivo la Corte Costituzionale ha di recente vietato l’aborto terapeutico.

Evento epocale che fa la storia: non mancano le proteste

La notizia non ha avuto molta risonanza a livello mondiale ma per la Polonia ha segnato un momento di svolta. Non sono mancate le reazioni anche violente: una folla di democratici ha dato vita a una manifestazione che tanto ricorda quella del movimento Black Lives Matter. Si sono riuniti con il volto mascherato, pietre e bastoni.

Non sono mancate poi le proteste davanti ai palazzi della Corte Costituzionale: donne, uomini e attivisti LGBT scesi in piazza. Finora non si hanno notizie di incidenti: le proteste sembrano essere pacifiche.

Lo sciopero delle donne polacche

Nella capitale Varsavia e nelle altre grandi città della Polonia sciopero delle donne e cortei in massa. Si parla di “Strajk Kobiet” per indicare l’astensione dal lavoro della popolazione femminile. Anche gruppi sociali conservatori e cattolici si sono schierati contro la decisione del governo sfilando con bandiere con il lampo rosso, dando vita a quella che viene definita una vera e propria “rivoluzione” le cui bandiere ne sono appunto il simbolo chiave.

Il PiS, il partito clerical-sovranista al governo, ha perso notevolmente consensi, contro le opposizioni che invece guadagnano sempre più simpatie.

Sebbene i cortei siano pacifici, il premier Morawiecki minaccia repressione. Intanto in piazza la popolazione inneggia a diversi slogan: “La rivoluzione è delle donne”, “Mi fa male l’utero quando vi guardo”.

Ciò che è certo è che il popolo non si rassegna alla decisione presa dal Paese: “Rovesceremo questo governo”, urla la gente e chissà… magari ci riuscirà sul serio.

Omicidio Lecce: l’assassino della coppia scriveva un libro intitolato “Vendetta”

Ospedali Roma nel caos: pazienti in isolamento nelle ambulanze, 118 non regge

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento