Vuoi la tua pubblicità qui?
07 Dicembre 2022

Pubblicato il

Barbareschi (Teatro Eliseo): “A Milano i fondi aumentano, a Roma diminuiscono”

di Redazione
"Ciò che non va giù è che questo sia l'unico teatro senza nomina politica, ed è questo che crea un attrito costante"

Luca Barbareschi, direttore artistico del Teatro Eliseo di Roma, intervistato questa mattina da Radio Radio: “La notizia è che questo teatro rischia di chiudere perché il ministro Franceschini non cerca di fare altro”, denuncia Barbareschi: “Ho messo il mio denaro, volontà, passione ma tutto è stato trasformato in una battaglia politica”. “E pensare” prosegue, “che non volevo lo diventasse perché la politica è in basso, l’arte in alto”. Il teatro di via Nazionale a Roma è stato pioniere di una rivoluzione culturale nel panorama romano e ha il merito di aver fatto riavvicinare i romani al teatro e alla cultura. Aggiunge Barbareschi: “Ha abbattuto quel dogma granitico dell’orario degli spettacoli, con una civilissima iniziativa di anticipare gli spettacoli di un’ora, intorno alle 20.00, per dare la possibilità anche a coloro che si svegliano molto presto di godere degli spettacoli”.

“Virginia Raggi e il Comune di Roma, non ci danno neppure il denaro che già ci dovevano tre anni fa, non si occupa né di Roma né di arte”.  “In 5 anni, spiega il direttore, il teatro è passato da meno di tremila a più di settemila abbonati. Ma non possiamo vivere con il Comune contro di noi, mentre a Milano i fondi aumentano, a Roma diminuiscono”, incalza Barbareschi. “Evidentemente ciò che non va giù è che sia l’unico teatro senza nomina politica, ed è questo che crea un attrito costante. Ci sono inoltre, spiega, 320 persone al suo interno che lavorano a tempo indeterminato, un’orchestra che lavora con passione e dedizione, per rendere sempre vivo questo polo culturale di Roma. L’Eliseo è un bene comune al suo centenario e se lo si abbatte si ferisce mortalmente Roma”, il suo appello.

“Il ministro Franceschini si è presentato solo alla cerimonia del Leone D’Oro a Venezia per il film di Polanski, perché si sa, i selfie aiutano. Sarà complice di un genocidio culturale chi non firmerà per l’Eliseo”, conclude il direttore.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo