16 Ottobre 2021

Pubblicato il

Atac. Radicali, Referendum raccolte 22mila firme su 29mila necessarie

di Redazione
"Il traguardo è quasi raggiunto, tuttavia è necessaria ancora la collaborazione di tutti, per dotare la Capitale d'Italia di un trasporto pubblico efficiente"

Circa 22mila firme raccolte in poco meno di tre mesi e due settimane di tempo a disposizione per raggiungere quota 29mila (12 agosto il termine ultimo per la presentazione). È la campagna dei Radicali italiani 'Mobilitiamo Roma, se non firmi t'attacchi' per la messa a gara del servizio di trasporto pubblico capitolino. Questa mattina, il segretario di Radicali Italiani Riccardo Magi e di Radicali Roma Alessandro Capriccioli hanno incontrato la stampa per fare un punto sulla campagna. A pochi giorni dalla presentazione, spiegano i due, "il traguardo è quasi raggiunto", tuttavia "è necessaria ancora la collaborazione di tutti, per dotare la Capitale d'Italia di un trasporto pubblico efficiente".

Un appello che sembra essere stato raccolto dai romani dal momento che, "dalle 2/300 firme al giorno delle prime settimane, ora si viaggia a 900-1.000 quotidiane". Un 'assalto' ai banchetti sparsi per la città, effetto anche delle delle recenti dichiarazioni del dg Atac, Bruno Rota che ha denunciato "la crisi finanziaria irreversibile" della municipalizzata romana, parlando di un debito "che supera il miliardo e 350 milioni di euro". "Rota- ha spiegato Magi- ha confermato ciò che sosteniamo da tempo e cioè che Atac è un'azienda fallita".

A questo proposito, "noi siamo gli unici ad avere una proposta politica per il futuro di Atac, perché non si tratta solo di come risolvere il problema del debito, ma anche di offrire un servizio degno di una Capitale europea. E l'unica soluzione è una gara a evidenza pubblica con il Comune che controlla il gestore". "I romani- sottolinea ancora il segretario- hanno capito che questa è una grande occasione di riforma e l'hanno capito con lo strumento dell'iniziativa popolare".

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo