16 Maggio 2021

Pubblicato il

Atac, il 27 niente stipendio. Interrogazione in Campidoglio

di Redazione

Micaela Quintavalle annuncia su Facebook: "Atac non ha pagato". Poi chiede le scuse dell'azienda

Amaro l’annuncio di Micaela Quintavalle sul suo profilo Facebook. “Atac non ha pagato, Atac non ha onorato il suo impegno con i lavoratori erogando la retribuzione il 27 del mese” – scrive la fondatrice del sindacato Cambia-Menti m410.

“La questione – continua – ora avrà 2 effetti in relazione alle condizioni economiche individuali di ogni dipendente: quello che sta con l’acqua alla gola e che non ha null’altra risorsa economica subirà ogni sorta di umiliazione, dal farsi prestare i soldi da qualcuno all’andare strisciando come un verme da chi è creditore verso lui; per gli altri un disagio momentaneo e un danno economico sicuramente. Ma chi pagherà tutto questo? Chi ha responsabilità in tutto questo? Quali iniziative serie i sindacati prenderanno in merito? E i danneggiati saranno risarciti in qualche modo?” – si chiede Micaela Quintavalle, che poi si rivolge direttamente all’azienda: “Il minimo che l’azienda può fare è chiedere scusa ai lavoratori con una lettera scritta e firmata da un essere umano e non firmata ‘Atac’, perché il sig. Atac non esiste”.

Nel frattempo, anche in Campidoglio qualcosa si è mosso. “Stiamo depositando un'interrogazione sul ritardo di Atac nel pagamento degli stipendi” – annuncia Marcello De Vito, capogruppo in Campidoglio del MoVimento 5 Stelle Roma.

“Quello che chiediamo – aggiunge – è molto semplice: 1) Quali sono stati i problemi tecnici che hanno impedito il pagamento al 27 (con richiesta che non si verifichino nuovamente); 2) Documentare che, in assenza degli inconvenienti, vi era la "provvista" per poter procedere al tempestivo pagamento”.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento