20 Giugno 2021

Pubblicato il

Anniversario della nascita del Regno d’Italia

di Redazione

Blitz notturno di "Roma Nord": “Mazzini massone!”

Garibaldi, Mazzini, Cavour, Mameli? Nel giorno in cui ricorre l’anniversario della nascita del Regno d’Italia, il gruppo politico “Roma Nord” li attacca uno per uno. I più noti animatori del Risorgimento italiano, ai quali grandi e piccole città dello Stivale hanno dedicato almeno una piazza, una strada o una targa, sono stati presi di mira durante il blitz di ieri notte perché “sono soltanto dei massoni ” –  come sostiene “Roma Nord”. L’azione si è svolta nel quadrante nord della Capitale, mediante l’affissione di striscioni recanti lo slogan “voi massoni, noi briganti” ed il posizionamento di cartelli con la scritta “massone” sulle statue dei sopracitati personaggi.

“L’azione vuole mettere in luce le contraddizioni metodologiche, ma anche di merito del processo Risorgimentale italiano (che fondamentalmente segue quelli antecedenti avvenuti nel resto d’Europa) – dichiarano in una nota gli esponenti del gruppo politico ‘Roma Nord’, secondo i quali – L’Italia nasce per conto e per volontà della massoneria, dei poteri forti europei, e cioè delle stesse forze che oggi governano, speculano e affamano i popoli europei.”

L’intezione degli attivisti non è quella di sconfessare l’Italia tout court, che riconoscono “santificata” dal sangue di chi ha combattuto durante Prima e Seconda Guerra Mondiale per difenderla, ma altresì promuovere una nuova visione di Europa, unita e imperiale.  “Infatti – concludono i ragazzi di Roma Nord – con la nuova tendenza al superamento dei confini nazionali (concetto giacobino e illuminista ottocentesco che non ci appartiene) vorremmo veder nascere l’Europa unita e  “imperiale”, ovvero uno spazio dove ogni “piccola patria” abbia la sua autonomia e la sua indipendenza, che poi altro non è che l’essenza stessa dei 3000 anni di storia europea”.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento