03 Agosto 2021

Pubblicato il

Ama Roma, Uiltrasporti: “Invertire da subito rotta e tendenza”

di Redazione
Il sindacato: "Basta slide e progetti irrealizzabili, serve un piano industriale di grande qualità che guardi ai municipi e alla loro diversità"

"Accogliamo con attenzione la nomina del nuovo Cda di Ama e rilanciamo con altrettanta responsabilità l'indicazione di invertire da subito rotta e tendenza. Basta con gli annunci da una parte e gli stati di agitazione e di allarme dall'altra, confondono i lavoratori, indeboliscono le istituzioni, arrecano disagio e malessere tra cittadini". Così in una nota Uiltrasporti Lazio. 

Negli ultimi mesi, si legge, "tra bilanci non approvati 2017/2018, conti in rosso annunciati 80 MLN, 30 MLN, impianti proposti in pompa magna ma bocciati degli stessi uffici del Comune, organizzazione del lavoro ancora rigida e centrale e operai che piuttosto che spazzare, raccogliere e controllare, guadagnando e meritando risultati e professionalità, dedicano tempo, molto tempo, a palmari, tablet ed inserimento dati, come se Ama SpA stesse in procinto di spedire finalmente i rifiuti su un ambito territoriale ottimale, LA LUNA ovviamente in attesa che anche da lì inizino a protestare. Basta slide e progetti irrealizzabili, serve un piano industriale di grande qualità che guardi ai municipi e alla loro diversità, non è più possibile che in tema di rifiuti, Londra sia considerata un carro armato e Roma un carro, così come non è possibile parlare ancora di azienda 100% pubblica senza avere con autosufficienza il governo della filiera e il governo dei costi; vogliamo contribuire con il supporto qualificante di tutti a rovesciare un destino già segnato, vogliamo contribuire trasformando questa Azienda in Impresa Industriale pubblica, dandogli un futuro". 

Uiltrasporti Lazio avverte: "Se continueremo a pagare gli altri per prendere i nostri rifiuti non governeremo mai nulla e nel tempo dell'economia circolare vince soltanto chi va verso economia di scala, efficienza e di efficacia. Chiediamo una reale presa d'atto su una situazione di reale drammaticità, fornitori e banche se ci mollano è finita. Ci presenteremo martedì all'incontro convocato dal Campidoglio misurando da subito chi divide e chi unisce non solo il ciclo dei rifiuti ma lavoratori e lavoratrici".

(Ag. Dire)

Vuoi la tua pubblicità qui?

 

Leggi anche:

Roma, Raggi nomina nuovo Cda Ama. Melara presidente, Longoni ad

Incendio a Roma Est, in fiamme un compattatore Ama a via Longoni

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo