Vuoi la tua pubblicità qui?
03 Dicembre 2021

Pubblicato il

Lo scandalo

Ama, dipendenti promossi: c’è anche il netturbino indagato per furto di gasolio

di Lorenzo Villanetti
Uno dei compiti del dipendente appena promosso sarà anche il controllo sui colleghi per evitare, ironia della sorte, i furti
Camion Ama
Camion Ama

Dopo lo scandalo del furto di gasolio tra i dipendenti Ama lanciata poche ore fa, ne arriva un’altra che avrebbe del clamoroso. L’azienda infatti ha promosso alcuni dei suoi dipendenti, e tra questi ci sarebbe anche l’uomo indagato proprio per furto di carburante.

“I netturbini rubano la benzina ad Ama e la rivendono in nero”

Come riportato da Il Messaggero, una sequenza fotografica inchioda un netturbino che alle ore 2.15 di mattina, dopo aver lasciato il mezzo nell’area 3 dell’autorimessa del Salario, si trattiene per oltre un’ora per rubare il gasolio. La sequenza fotografica è arrivata ai piani alti di Ama insieme a un’informativa di 38 pagine. Carburante riversato in delle taniche nascoste dietro a un cespuglio e caricate a bordo della sua auto privata. L’uomo però potrebbe non essere l’unico.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Lo scandalo della promozione

Nel corso del programma tv Mediaset Le Iene, è emersa anche la vicenda della promozione di un netturbino, il quale sarebbe coinvolto nel caso dei furti di carburante ad Ama. La truffa è stata confessata da un ex complice. Il gasolio veniva prelevato di notte dai camioncini, e riempite le taniche venivano rivendute ad un euro a litro. 100 euro a serata, 3000 al mese, in nero, era più o meno la cifra dell’incasso dei truffatori.

Ama sa tutto

L’azienda ha promosso 34 netturbini a capo operaio. Tra i dipendenti però c’è anche quel nome, che Ama conosce. Il paradosso però è che l’azienda avrebbe le mani legate. Ama ha chiesto a Mediaset l’intero girato (non ancora disponibile per motivi di privacy) senza censura per far partire il procedimento interno. A far sorridere è che il controllo sui colleghi per evitare furti, sarà uno dei compiti del dipendente.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo