Vuoi la tua pubblicità qui?
19 Settembre 2020

Pubblicato il

Alemanno, nel nuovo partito non ci sarò

di Redazione

L'ex sindaco di Roma è contrario al ritorno di Forza Italia e auspica metodi grillini di trasparenza

Gianni Alemanno e' contrario alla rinascita di Forza italia, "perche' -spiega in una intervista a Il Corriere della Sera- avrei preferito un unico soggetto del centrodestra, come era il Pdl". "Ma se questo genera immobilismo politico -aggiunge l'ex sindaco di Roma- accetto anche la ricomposizione in piu' partiti. E, in quel caso, Forza italia non e' il mio posto".

In ogni caso, al di la' del fatto che "e' presto per dire se rinascera' Alleanza nazionale", "non si possono fare -sottolinea Alemanno- piu' partiti al fianco di Forza italia", ne' si puo' escludere a priori una riunificazione della destra in Fratelli d'Italia, anche se con la rinascita di Fi "ci sarebbe una simmetria storica con una nuova An". Il ruolo di Giorgia Meloni, comunque, sara' "fondamentale, perche' serve una sorta di reset generale, senza rendite di posizioni".

Vuoi la tua pubblicità qui?

E occorre attivare "processi trasparenti e competitivi, con metodi quasi grillini: non serve un altro partito personale, ce ne sono gia' troppi e non si possono avere atteggiamenti lussuosi, rampanti. Serve sobrieta' negli stili, un partito a forte base comunitaria che parli al popolo". Includendo "esponenti provenienti dalla vecchia Democrazia cristiana" per allargare la base di consensi. Il nuovo assetto del centrodestra "va costruito insieme con Berlusconi", perché "è il leader", e soprattutto adesso "che è oggetto di un grave attacco giudiziario". 

"Se dovessimo trovarci di fronte a delle elezioni, io non credo che Silvio Berlusconi, come in parte ha gia' fatto, si vada a riproporre come candidato premier", quindi, torna a dire Gianni Alemanno, da Omnibus su La7, "il tema delle primarie nel centrodestra resta e c'e' ancora di piu' se la coalizione sara' articolata tra piu' partiti, anziche' da un partito solo".

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento