18 Ottobre 2021

Pubblicato il

Alemanno in Argentina per portare i soldi? La Procura smentisce

di Redazione
La notizia di alcune intercettazioni tra Odevaine e Schina. Ma l'ex primo cittadino si difende

Repubblica, Corriere della Sera, Sole 24 Ore: sono questi tra i maggiori quotidiani nazionali, a riportare, questa mattina, una notizia che arricchisce di altri particolari l'inchiesta Mondo di Mezzo, ribattezzata anche Mafia Capitale. Tra gli indagati, anche l'ex primo cittadino di Roma Gianni Alemanno. E proprio quest'ultimo è al centro dei titoli dei quotidiani.

Alemanno in Argentina con valigie piene di soldi. "(…) Ma sai che Alemanno si è portato via, ha fatto quattro viaggi lui e il figlio con le valigie piene de’ soldi in Argentina, se so’ portati con le valigie piene de contanti, ma te sembra normale che un sindaco (…)" – riferiscono Repubblica e Corriere, riportando una conversazione avvenua tra Luca Odevaine (PD), ex capo di Gabinetto dell'era Veltroni, e Mario Schina, ex responsabile del Decoro urbano del Comune di Roma. Al centro della conversazione, una presunte lite tra Alemanno e un uomo di cui però non viene fatto il nome. Schina, avrebbe chiesto poi a Odevaine come Alemanno avrebbe fatto a superare i controlli in aeroporto. "E' passato al varco riservato" – risponde Odevaine, che poi prosegue nella spiegazione: "A un certo punto deve essere successo un casino, perché ad un certo punto ad Alemanno gli hanno fatto un furto a casa (…)".

Pronta la risposta dell'ex primo cittadino. Sul suo profilo Facebook, Alemanno scrive: "Da Procura conferma che io non ho mai portato soldi all'estero". E poi spiega: "Come viene confermato oggi dalla Procura di Roma la notizia di miei viaggi in Argentina per portare soldi è totalmente e manifestamente infondata. Questa notizia nasceva da un'intercettazione di una persona a me evidentemente ostile, come Luca Odevaine, braccio destro di Walter Veltroni da me allontanato dagli incarichi con il Comune di Roma".

Nella conversazione tra Odevaine e Schina, viene tirato in ballo anche il figlio di Gianni Alemanno: "Ugualmente l'idea che io e mio figlio, allora minorenne, viaggiassimo dall'altra parte del mondo per portare soldi non solo può apparire folle a qualsiasi giudizio equilibrato ma è facilmente riscontrabile attraverso i nostri passaporti. Infatti già ieri dalle carte risultava che gli inquirenti, dopo le opportune verifiche, avevano scartato questa pista".

A confermare la versione dell'ex primo cittadino, anche un'ANSA di qualche ora fa: "Non ci sono riscontri di trasferimenti di soldi da parte di Gianni Alemanno all'estero" – avrebbero dichiarato fonti della Procura di Roma riguardo a intercettazioni di Luca Odevaine, arrestato nell'ambito dell'inchiesta Mafia Capitale, nelle quali parla dell'ex sindaco circa "quattro viaggi in Argentina con valigie piene di contanti".

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo