04 Marzo 2021

Pubblicato il

Al Teatro Golden va in scena “Finché giudice non ci separi”

di Redazione

Massimo è fresco di separazione e ha appena tentato il togliersi la vita. Il giudice gli ha levato tutto: la casa, la figlia e...

Sul palcoscenico del Teatro Golden va in scena, da martedì 27 ottobre, la commedia che analizza, ma anche ironizza sulla difficile vita degli uomini separati. “Finché giudice non ci separi”,  scritta  da  Andrea  Maia,  Augusto  Fornari,  Toni  Fornari,  Vincenzo  Sinopoli racconta la storia di 4 amici tutti alle prese con la separazione dalle loro mogli. Quattro amici, interpretati da Luca Angeletti, Augusto Fornari, Toni Fornari, e Nicolas Vaporidis  vivono tutti la stessa situazione di uomini separati, con le difficoltà che sono costretti ad affrontare,  a questa già complicata situazione si aggiunge l’inaspettata e sorprendente  presenza della vicina di casa, interpretata da Laura Ruocco che stravolge il già precario equilibrio del gruppo. Finche giudice non ci separi, per la regia di Augusto Fornari,  trascina lo spettatore all’interno di un piccolo appartamento dove tra sensi di colpa, arrabbiature, disperazione, ironia e sarcasmo si snoda una divertente vicenda piena di colpi di scena. “Finché giudice non ci separi” racconta la storia di Mauro, Paolo, Roberto e Massimo,quattro amici, tutti separati.

Massimo è fresco di separazione e ha appena tentato il togliersi la vita. Il giudice gli ha levato tutto: la casa, la figlia e lo ha costretto a versare un cospicuo assegno mensile alla moglie.  Con  quello  che  resta  del  suo  stipendio  si  può  permettere  uno  squallido appartamento, 35 mq, ammobiliato Ikea. I tre amici gli stanno vicino per rincuorarlo e controllare che non riprovi a mettere in atto l’insensato gesto. Ognuno da consigli su come affrontare la separazione, questa nuova situazione e come ritornare a vivere una vita normale. Proprio quando i  tre sembrano essere riusciti a riportare alla ragione il loro amico, un 39enne; avvenente vicina di casa suona alla porta. Massimo ha una crisi isterica, perché la vicina è…  “Finché  giudice  non  ci  separi”  Una  commedia  sulla  separazione,  una  girandola  di situazioni, divertenti paradossali, con mobili che si montano, si smontano mentre si parla in  maniera  divertente,  arrabbiata,  esilarante   di  dubbi,  colpe,  ragioni  e  torti,  ricatti  da affrontare quando un matrimonio finisce.   

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento