23 Ottobre 2021

Pubblicato il

Achille Serra: “Roma non è sicura ma l’esercito non è la polizia”

di Redazione
"Alla vigilia del voto i politici parlano di sicurezza. Poi non ne sento più parlare eppure il problema c’è ed è grave"
L’ex Prefetto Achille Serra è intervenuto ai microfoni di Radio Roma Capitale durante la trasmissione di Francesco Vergovich “Roma ogni giorno” per parlare della sicurezza nella Capitale: "Alla vigilia di elezioni o referendum, i vari sindaci e politici si ricordano della sicurezza. Poi, dopo la votazione, non ne sento più parlare eppure il problema c’è ed è grave. I militari in città? Sono agenti di pubblica sicurezza, ma non di polizia giudiziaria. Significa che non possono fare perquisizioni o contestare reati. Questo vuol dire che andrebbero accompagnati da un agente e non  mi convince affatto. Non convince anche la Corte dei Conti che dice di ripensare a questo tipo di impostazione.
 
I militari intervengono in faccende di guerra e sono addestrati per un tipo di attività diversa da quella della polizia giudiziaria. Intanto andiamo a ripianare gli organici di Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza. Ma soprattutto, ci vuole una riforma della giustizia, altro che militari in piazza. Chi ruba deve andare in galera dopo il processo, ovviamente se ritenuto colpevole, e ci deve rimanere. Altrimenti possiamo inventare cose alla vigilia di ogni elezione, ma il problema non lo risolviamo. I militari sono utili, ma solo per i posti fissi come gli obiettivi sensibili. La Polizia municipale ha bisogno di una riforma perché il vigile sia più vicino al cittadino e non visto come un nemico che viene a fare la multa. Infine sul ritorno della leva non so dare un parere. Sono scelte politiche che vanno lasciate ai politici".
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo