Vuoi la tua pubblicità qui?
28 Settembre 2020

Pubblicato il

Roma, abbandonare rifiuti in strada è vietato, ma non ci sono sanzioni

di Redazione

Un'ordinanza contro l'abbandono di rifiuti ingombranti in Municipio XII che però non prevede sanzioni

Roma: un’emergenza rifiuti ogni giorno più pressante e gli strumenti per arginarla che appaiono non solo inefficaci ma – alle volte – addirittura ridicoli.

Vuoi la tua pubblicità qui?

E quindi, succede che chi inquina, non paga. Almeno in Municipio XII. Come segnala infatti il consigliere d’opposizione Marco Giudici, è spuntato, proprio nel Municipio XII, un ‘nuovo’ strumento di lotta al degrado cittadino. Si tratta di un’ordinanza emessa dalla presidente Cristina Maltese – Prot. N. CQ 56504, 14 Luglio 2014, ordinanza n. 1. Oggetto dell’atto è il «divieto di abbandono di rifiuti ingombranti, apparecchiature elettriche ed elettroniche, rifiuti speciali» perché – come si legge nel testo – «i marciapiedi del Municipio sono invasi da rifiuti ingombranti» e che «questi, molto spesso di notevoli dimensioni, lasciati incustoditi e non messi in sicurezza creano pericolo per i passanti e rendono i impraticabili i marciapiedi».

Sacrosanto. Peccato che l’ordinanza in questione non solo “non prevede una sanzione – osserva Giudici – In più questo divieto già esiste ed è sanzionato”. Il provvedimento della Maltese sarebbe una copia meramente divulgativa di un atto già esistente. Spiega ancora il consigliere: “Le norme esistono già, al livello comunale, ma non vengono applicate in modo efficace. Ne è prova il degrado imperante degli ultimi tempi e il centrosinistra, con il solito lassismo, ne è il principale responsabile”.

Insomma: un copia/incolla. Che, tra l’altro, non spaventa “qualche cittadino incivile”, in quanto – racconta ancora Giudici – “dopo le lavatrici e i materassi, ora si stanno abbandonando anche i gabinetti (foto scattata in zona Colli Portuensi, ndr)”. Cittadini incivili e “forse ben consapevoli dell’unica ed inimitabile ordinanza sciocca della presidente Maltese, la prima della consiliatura, dopo quella di nomina dei componenti della Giunta”.

Se questo è lo sforzo degli amministratori locali verso la cittadinanza, rifacendoci alle parole espresse dal consigliere d’opposizione, possiamo dire di trovarci di fronte “all’ennesimo volantino elettorale riuscito male”.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento