Vuoi la tua pubblicità qui?
02 Dicembre 2022

Pubblicato il

A Ostia percezione usura del +32,5%

di Redazione
I dati di un'indagine di Confcommercio Roma

“Dalle indagini che abbiamo condotto sull’usura a Ostia è risultata un’incidenza aumentata di questo fenomeno”. A dirlo è Rosario Cerra, presidente della Confcommercio Roma, a margine dell’iniziativa ‘Disegna la legalità’, il concorso promosso e organizzato dalla Confcommercio e rivolto ai licei artistici della Capitale.

USURA A OSTIA. Secondo l’ultima indagine della Confcommercio, a Ostia lo strozzinaggio nella valutazione dei commercianti intervistati risulta in aumento del 32,5%. “Quello che dobbiamo capire è quanto l’usura sia un problema anche a Roma. L’impressione è che sia un problema serio che è stato sottovalutato, e su cui dobbiamo lavorare sia per la comprensione del fenomeno – ha aggiunto Cerra – sia per affrontare questo problema, sapendo che esiste una legge nazionale molto importante che aiuta anche finanziariamente chi è all’interno di questo muro dell’usura. E questo bisogna saperlo: ci sono soldi nazionali che aiutano a uscire dall’usura. Ovviamente, il percorso passa in prima battuta attraverso la consapevolezza di essere entrati nel tunnel, poi il passaggio è la libertà da quel tunnel”

LA STORIA DI SIMONE. Attraverso il concorso, Confcommercio ha chiesto agli studenti di raccontare a fumetti la storia di Simone, nome di fantasia di un commerciante romano caduto nel vortice dell’usura e che ne è uscito grazie alle associazioni antiusura. Oggi, in occasione della premiazione degli alunni, c’era anche lui. La sua presenza è stata accolta da un applauso e, davanti alla platea di ragazzi, Simone ha raccontato la sua storia. Lui, sposato e con tre figli, aveva “un’attività di videogame e poi anche un pub – ha raccontato – Oggi non ho più nulla, ma ho incontrato delle persone che mi hanno aiutato a uscire da questo tunnel. Non è stato facile – ha ricordato emozionato – Fino al 2005 stavo bene, avevo una posizione agiata, lavoravo e giravano i soldi. Poi qualcosa ha iniziato a non funzionare, sono diminuite le vendite e ho chiesto alla mia banca di finanziarmi per far fronte ai pagamenti. Ma le banche mi hanno portato alla rovina, mi hanno chiusi i conti e i fidi. Non sapevo a chi rivolgermi e ho iniziato a farmi prestare i soldi dai ‘cravattari’. E da quel momento è  iniziato l’incubo. Mi chiedevano interessi altissimi, anche del 150% l’anno. Pagare diventava una corsa contro il tempo”.

Poi, il messaggio ai ragazzi: “Bisogna affidarsi alle associazioni, che mi hanno aiutato anche economicamente. Le persone che stanno dietro all’usura sono legata alla malavita. E a Roma nelle borgate 9 negozianti su 10 sono vittime di usura. Ma per paura non denunciano. Avevo paura anche io, e prima di arrivare a questo è stata dura. Ma ho denunciato e i miei usurai sono stati arrestati. Oggi sono felice di dare questa testimonianza – ha detto ai ragazzi – perché  anche voi possiate riflettere. Attenzione ragazzi”.

MARCELLO COME SIMONE. Come Simone, anche Marcello (altro nome di fantasia), è stato vittima di usura. Era un imprenditore, con un’attività avviata e redditizia. C’erano ancora le lire, e Marcello gestiva un negozio di ferramenta. A raccontarlo è stato proprio lui, ai microfoni di Radio Cusano Campus, nell’ambito della trasmissione radiofonica ECG Regione Lazio condotta da Andrea Di Ciancio e Roberto Arduini. Qui la sua storia.  

ROMA CAPITALE DELL'USURA. Secondo le stime di Sos Impresa riferite da L’Espresso, Roma è la Capitale dell’Usura, con cifre imbarazzanti: i commercianti nelle mani degli usurai a Roma sono almeno 28.000,  pari al 35% delle attività economiche del Lazio, per un totale di almeno tre miliardi di euro l’anno.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo