21 Settembre 2021

Pubblicato il

Ponza, 18enne brucia libri dopo esito maturità e precipita dal tetto

di Redazione
Complice probabilmente una bevuta di troppo, il ragazzo ha perso l'equilibrio, rovinando a terra da un'altezza considerevole

E’ piuttosto noto uno studio, che in tema di sogni ricorrenti, ha stabilito il servizio militare e gli esami di maturità, tra gli spauracchi più in alto in classifica, di una ideale hit parade onirica. Capita anche a me a volte, ritrovare libri e leopardiane “sudate carte” nel bel mezzo della notte e il bello, se così si può dire, consiste nel fatto che sia tutto vero!

Vuoi la tua pubblicità qui?

Esperienze che, d’altra parte appartengono a ognuno di noi. E se poi ve la devo dire tutta, ma proprio tutta, preferisco sognare il servizio militare piuttosto che gli esami, anche perché l’esperienza sotto le armi, seppur complessa e difficoltosa per varie ragioni, è stata una delle fasi più intense e formative di tutta la mia vita. C’è un problema però...Nel sogno, sono comunque consapevole di essere stato congedato e proprio per questo, rivendico il diritto di non far più parte dell’esercito…Uffa! Non si può star tranquilli neanche quando si dorme…

Detto questo, passiamo alla cronaca e torniamo a parlare della maturità e che maturità! Volete sapere come un giovane romano ha festeggiato con gli amici il buon esito degli esami?  Presto detto: bruciando i libri di testo di un’abitazione presso l’isola di Ponza, in località le Forna. Purtroppo, complice probabilmente una bevuta di troppo, il ragazzo ha perso l’equilibrio, rovinando a terra da un’altezza considerevole, con il risultato di ferite multiple, riportate alle gambe e al resto del corpo.

Soccorso dai suoi stessi compagni, il 18enne studente romano, è stato portato in eliambulanza, all’ospedale Santa Maria Goretti di Latina e fortunatamente giudicato in condizioni non gravi. Sull’episodio stanno indagando i carabinieri e nel contesto dello stesso, emerge l’esigenza di controlli sempre più serrati per scongiurare episodi similari, legati magari anche alla vendita incontrollata di bevande alcoliche a minorenni. all’augurio di una pronta guarigione, ne aggiungiamo sentitamente un altro, che questo incidente non diventi mai e poi mai uno di quei sogni tediosamente ricorrenti. Ci mancherebbe altro! “Notte di lacrime e preghiere, la matematica non sarà mai il mio mestiere.”  A. Venditti, “Notte prima degli esami”.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo