29 Luglio 2021

Pubblicato il

Un egiziano e una romena, sorpresi a rubare al cimitero Flaminio

di Redazione

Il loro scopo era quello di rivenderli ai proprietari dei chioschi, o addirittura, destinarli ai banchetti di nozze

Ogni volta che ascolto 'Il giardino del mago', del Banco del Mutuo Soccorso, mi vengono i brividi sotto tutti i punti di vista. C'è pathos, intensità, straordinaria capacità interpretativa, di uno straordinario Francesco Di Giacomo. Mentre sua anima artistica si spinge oltre i confini delle realtà terrene, il viaggio oltre la vita di quaggiù, ricolmo di armonie oniriche, si lascia andare dolcemente al galoppo silenzioso sotto le stelle del firmamento, accompagnato dai ricordi e dal senso dell'esistenza cercato e ricercato invano e che solo in quel preciso istante, comincia ad assumere le sembianze di una risposta, quella risposta che dà voce ad ogni perchè: "Da bambino ci montavo su, al cavallo con la testa in giù. Galoppavo senza far rumore, gli zoccoli di legno che volavano sui fiori, non sciupavano i colori".

Vuoi la tua pubblicità qui?

Nella realtà, dove le ancore di salvezza non sono mai abbastanza, ecco un episodio bieco e affatto raro, che torna a riaffacciarsi alla cronaca, profanando da una parte sentimenti sacri, svilendo dall'altra, altezze liriche di rara bellezza.. Un cittadino egiziano di 57 anni, con precedenti penali e una donna romena di 23, tutt'altro che premurosi riguardo il valore di certi sentimenti e totalmente indifferenti rispetto alla presenza trascendente e immanente del 'Mago', hanno pensato bene di fare incetta di fiori presso il cimitero Flaminio di Roma. La raccolta però non è andata esattamente come i due si auguravano, tant'è vero che sono stati scoperti e arrestati dai carabinieri. L'uomo e la donna, sono stati sorpresi dai militari della stazione di Prima Porta, mentre prelevavano i fiori lasciati per i defunti, sotto la Madonnina situata nell'area comune della camera mortuaria. Il loro scopo era quello di rivenderli ai proprietari dei chioschi, o addirittura, destinarli ai banchetti di nozze

Ci permettiamo di scomodare Ugo Foscolo, citando pochi versi dei  'Sepolcri': "All'ombra de' cipressi e dentro l'urne confortate di pianto, è forse il sonno della morte men duro"? Certamente no, ma per i vivi, è senz'altro tristissimo apprendere che i fiori acquistati per i propri cari, sono stati rubati. Ne va dei loro affetti, dei loro sentimenti.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento